Alla scoperta della Sapa…e dei suoi mille usi!

Sapa

Sapa

Macerata, come molte altre città delle Marche, è ricca non solo in bellezze storiche ed artistiche, ma anche in sapori unici e tipicità.

Tra questi spicca la Sapa: un condimento dolce color caramello ricco di proprietà e dai mille usi!

La sapa si ottiene da un particolare tipo di mosto, cotto e concentrato per ebollizione. La sua densità e il suo sapore acidulo di mosto cotto con un piacevole retrogusto amaro la rendono speciale in abbinamento alla polenta con ricotta di capra (essiccata, salata ed affumicata), come la tradizione marchigiana insegna.

Squisita insieme ai formaggi stagionati e saporiti, la sapa si accompagna molto bene con le fragole e come salsa per i gelati di crema e di panna.

In estate, aggiunta all’acqua, diventa un’ottima bevanda dissetante, infatti, nell’antichità veniva usata insieme alla neve per creare una granita.Cartella di lavoro1Le incredibili proprietà nutrizionali della Sapa la rendono utile anche per attenuare i bruciori di stomaco ed è spesso usata nei digiuni terapeutici.

Addirittura Mosè, così sostengono alcuni interpretando la Bibbia, usava la sapa per curarsi. Sapa e latte caldo, è un ottimo coadiuvante per il mal di gola e per i malanni da raffreddamento, così come in aggiunta alla camomilla concilia il sonno ed è un buon rilassante. Ottima anche per impacchi al viso in caso di pelle delicata.

Ma torniamo all’uso della Sapa in cucina, con un’ottima ricetta tratta dalla tradizione maceratese, ovvero:

Polenta e Sapa alla Maceratese

-500g mais quarantino ottofile

-2 l acqua

-sale

-Sapa

-parmigiano e pecorino

Mettere sul fuoco una pentola piuttosto alta con l’acqua necessaria.

Preparazione della polenta

Preparazione della polenta

Prima dell’ebollizione, buttare a poco a poco la farina di mais mescolando rapidamente con una frusta in modo che non si formino grumi. Salare adeguatamente. Tenendo la fiamma molto bassa e mescolando continuamente con un cucchiaio di legno, cuocere almeno per 50 minuti, tenendo presente che la polenta non teme una cottura più lunga. Nel maceratese la polenta risulta essere piuttosto cremosa ma si può aumentare la cottura a piacimento fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Quando sarà cotta, la tradizione suggerisce di versarla su piatti di legno oppure su un’unica spianatoia di legno dove mangiare tutti insieme.polenta-bergamasca

Appena si sarà rappresa leggermente, fare dei solchi col cucchiaio e versare la Sapa, condire con parmigiano e pecorino e…”Buon Appetito!!!”

Polenta e sapa

Polenta e sapa

Attualmente sono poche le aziende che commercializzano la Sapa, in quanto la sua produzione risulta piuttosto difficoltosa.

imagesUna delle aziende che ancora realizza questo prodotto (oltre a molte altre tipicità) è l’azienda agricola “Si.Gi.” 

Grazie ad una coltivazione biologica che garantisce la purezza delle materie prime, un metodo di lavorazione semplice e naturale, la Si.Gi. ha riportato in vita ricette, lavorazioni e frutti antichi come la Sapa, nel rispetto dell’antica tradizione locale maceratese.sapa_sigi


Let’s discover the Sapa…and its amazing properties!

Sapa

The Sapa

Macerata, like many other towns in Le Marche region, is not only rich in historical and artistic beauty, but is also proud of its rich traditional flavours and recipes.

Among these is the “Sapa”: a sweet sauce colour caramel.

The sapa is made from a selection of special type of must, cooked and concentrated by boiling.

Its density and its sour taste of cooked must with a pleasant bitter aftertaste make it special in conjunction with polenta and goat cheese (dried, salted and smoked) as Le Marche tradition teaches.

Exquisite along with cheeses and savory, the sapa goes very well with strawberries and as a sauce for ice cream and whipped cream.

In summer, added to water becomes a great thirst-quencher, in fact, in ancient times, it was used along with the snow to create a slush.Cartella di lavoro1The extraordinary nutritional properties of the Sapa make it useful to comfort from heartburn and is often used in therapeutic fasting.

Even Moses, according to the Bible’s interpretation of some people, used the Sapa as a treatment. Adding the Sapa to hot milk is an excellent aid for sore throats and colds, as well as in addition to chamomile helps sleeping and is good to relax. It can also be used for special facial masks helping sensitive skin.

So, let’s go back to the use of the Sapa in the culinary tradition of Macerata with one of its most authentic recipe, namely:

Polenta with the Sapa

-500g fine/medium grounded cornmeal (not coarse and very good quality!)

-2 l water

-salt

-the Sapa sauce

-parmesan and pecorino cheeses

Put water in the saucepan, place it on the fire and, before boiling, start adding the cornmeal letting it drop into water like if it were raining.

Cooking the polenta

In the meantime, stir quickly with a wire whisk to avoid lumps. Add a teaspoon of salt only after 15 minutes, so that it will make lumps dissolve. Cook on low heat because polenta should cook slowly, puffing quietly and stir constantly with a wooden spoon. Cook for at least 50 minutes, stirring polenta from time to time (for example: every five minutes). In Macerata the polenta turns out to be quite creamy but you can get the desired consistency by reasing the heat. When polenta is ready (you can make sure by checking if it detaches from the walls of the pot), turn off the heat and allow it cooling for a few minutes without touching it.

polenta-bergamascaThe tradition suggests pouring the polenta on wooden plates or a single wooden board and eat it together with all tablemates. Now it’s time to spread the Sapa sauce on the polenta. Also add some parmesan and pecorino cheese and…simply “Enjoy!!!

Polenta e sapa

Polenta and sapa

Currently there are only few companies selling the Sapa, due to its difficult production. One of those companies  is the local farm “Si.Gi.”.

images Thanks to its organic farming and simply natural process, “Si.Gi” guarantees the purity of the raw materials. “Si.Gi.” farm has revived some recipes from the local tradition, including not only the Sapa, but many other traditional flavours following the tradition of Macerata.sapa_sigi

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s