Una bella storia di una famiglia inglese emigrata…nelle Marche!

Empire Stae Building coi colori dell'Italia

Empire Stae Building di NY coi colori dell’Italia!

Sono una marchigiana trapiantata a New York, e mi capita spesso di avere nostalgia di casa. Non solo delle persone che amo, ma anche dei luoghi che mi hanno fatto compagnia per tanti anni. Adoro la mia nuova vita, ma rivivo nella mia mente le meraviglie della mia terra.

Martin, David e il piccolo George

Martin, David e il piccolo George

Incontrare Martine e David Albon, titolari del Roccolo Holiday Cottage di Ascoli Piceno, è stato come condividere con un amico la propria scelta. Ero molto curiosa di sapere come e perché una famiglia che arriva da un paese prospero come il Regno Unito, decide di lasciare tutto e di provare a vivere in un paese straniero.

dsc_0664

Il Roccolo Cottage

Vi racconto la loro esperienza…

1) Qual’è la vostra nazione d’origine e dove/quando vi siete trasferiti nelle Marche? Vi si spostati con la famiglia?

  • Siamo Martine, David e George Albon. Ci siamo trasferiti nelle Marche dal Regno Unito nel 2012. Siamo tutti inglese, ma David è cresciutio in Kenya. George aveva sette anni quando ci siamo trasferiti qui.

2) Cosa vi ha spinto a trasferirvi in Italia e, nello specifico… perchè avete sceleto le Marche per aprire il vostro B&B?

  • Martine aveva alcuni collegamenti in zona grazie alla famiglia e ad amici. Mentre David durante alcune vacanze trascorse qui in precedenza si innamorò completamente del paesaggio. Abbiamo sempre saputo di volerci allontanare dal Regno Unito e nel 2012 si presentò l’occasione giusta, che abbiamo deciso di cogliere. Ascoli Piceno è perfetto per noi perché è vicino ai monti e al mare e offre una buona educazione scolastica per George! Le nostre vacanze ideali sono sempre state dove potevamo essere attivi in montagna e rilassarci in riva al mare. Offrire un alloggio vacanza in un luogo che potesse offrire entrambe le opzioni poteva essere l’ideale. Ci sono pochi posti che danno questa flessibilità.
Mare e...

Mare e…

dsc_0420

…monti!

3) Come è stato il passaggio e l’ambientarsi a vivere in un paese straniero?

  • Siamo stati in vacanza in Italia per molti anni prima di trasferirci e di conseguenza eravamo a conoscenza della vita quotidiana qui. Martine parlava già italiano prima di trasferirci e questo è stato davvero di grande aiuto all’inizio. E ‘stato molto più difficile per David e George che invece non parlava ancora italiano. George ora parla molto bene l’italiano a soli tre anni dal nostro arrivo e anche a scuola va bene. E ‘ancora difficile per David, soprattutto perché lavoriamo a casa e non ha sempre modo di praticare molto il suo italiano! Tutto funziona in modo diverso qui e ci vuole un po ‘di tempo per capire come fare le cose anche le più semplici, ma in generale abbiamo risolto abbastanza rapidamente. Penso che per noi sia stato più facile grazie a George. Se avete un bambino piccolo a scuola bisogna adattarsi rapidamente e fare amicizia. Penso che debba essere molto più difficile per i pensionati che decidono di trasferirsi qui e non hanno molti legame con la comunità.

4) In che modo la cultura italiana differisce dalle vostra? A quale aspetto della vita italiana è stato più difficile abituarsi?

  • La vita è più spontanea qui. Nel Regno Unito bisognava pianificare tutto settimane in anticipo e la vita era molto più fitta d’impegni. Qui la gente aspetta di vedere come sarà il tempo e non c’è bisogno di fare troppi progetti in anticipo. Un amico può telefonare semplicemente per dirti: “Il tempo è bello, andiamo a fare una passeggiata in riva al mare questo pomeriggio?” Nel Regno Unito si sarebbe dovuto programmare settimane prima e non si sarebbe potuto approfittare di un bel pomeriggio per uscire. Ci piace molto questo!

5) Come sono le persone del posto? Vi trovate spesso con altri ‘expats’ (emigrati)?

  • Non ci sono così tanti ‘espatriati’ nel sud delle Marche, quindi non abbiamo una vasta rete di amici ‘expats’. Abbiamo alcune amicizie più a nord ma è troppo lontano per fare loro visita spesso! Ci siamo trasferiti qui con nostro figlio di sette anni e quindi abbiamo incontrato molte persone del luogo attraverso la scuola. Come già nel Regno Unito, i genitori dei suoi amici sono diventati anche i nostri amici. Amando molto la montagna, abbiamo aderito alla sezione locale del Club Alpino Italiano e abbiamo avuto modo di stringere nuove amicizie anche lì. Gli Ascolani sono molto orgogliosi della loro città e cultura, come è giusto che sia. La maggior parte delle persone sono molto felici di condividere informazioni sulla zona e di consigliarci su ogni cosa. Ci hanno sempre fatto sentire benvenuti, sia le persone che vivono in città che i nostri vicini qui sulla montagna, uno dei quali passa molto tempo ad insegnarci l’agricoltura locale. Abbiamo imparato tutto quello che sappiamo circa la cura e la raccolta dei nostri numerosi castagni proprio da lui.

6) C’è qualcosa che vi manca particolarmente del Regno Unito? 

  • Il formaggio cheddar!

7) Cosa ti piace di più delle Marche e dello stile di vita italiano?

  • Il cibo, il sole, la spontaneità della gente.

8) Qual è il tuo cibo italiano preferito (o meglio ancora: ‘marchigiano’)?

  • Pizza- abbiamo il nostro forno a legna, che un amico ci ha insegnato ad utilizzare correttamente. Anche la pasta Ascolana – è buona con pomodoro, capperi, olive, cipolla, tonno ma anche con tartufo o sugo ai funghi con tartufo nero locale. Ma il nostro piatto preferito sono le Olive all’ Ascolana-  quelle che acquistiamo presso il pastificio locale (La Madia ad Ascoli Piceno) e che propone oltre alla versione tradizionale con ripieno di carne, anche una variante al tonno ed una vegetariana. Sono le migliori nelle Marche! Anche il Rosso Piceno tra i vini è assolutamente fantastico!
10600556_1454660871467461_733733193342299245_n

Il forno a legna della famiglia Albon presso il Roccolo Holiday Cottage

9) Con il vostro B&B ospitate persone provenienti da diverse aree e paesi ed interessate a scoprire le Marche. Quali sono le loro impressioni verso la nostra regione?

  • Finora abbiamo avuto ospiti provenienti da America, Gran Bretagna, Olanda, Germania, Repubblica Ceca e Italia. Tutti quanti hanno amato le Marche, sia per la bellezza e la varietà dei suoi paesaggi che per la tranquillità che si trova qui a Il Roccolo. Ascoli Piceno è ovviamente uno dei luoghi assolutamente da vedere, ma molti hanno anche visitato vari vigneti e quelli con i bambini, in particolare, amano le spiagge pulite e sicure.
Vista di cui si può godere dal Cottage Il Roccolo

Vista spettacolare di cui si può godere dal Cottage Il Roccolo

10) Con il nostro blog cerchiamo d’ incentivare le persone provenienti da tutto il mondo a scoprire Le Marche e le tradizioni locali. Che cosa ti piace di più delle Marche e qual è la differenza più grande rispetto ad altre regioni italiane?

  • Ci piace il fatto che la gente qui dedica tempo ad amici e familiari e che sono più spontanei rispetto agli inglesi e anche agli italiani più settentrionali. Questo è vero anche sul lavoro, ad esempio, i ristoratori trovano sempre il tempo per un dialogo e sono felici di aiutare e consigliare le persone in visita. L’estate è molto più ricca d’impegni rispetto all’inverno e ci sono eventi locali un po’ in tutte le cittadine della regione. La Quintana di Ascoli Piceno e la Templaria a Castignano sono due ottimi esempi. Amiamo anche i vari mercatini e fiere che vengono organizzati in queste occasioni.

 11) Quanto è stato difficile ottenere un visto di lavoro/permesso?

  • Non è stato troppo complicato in quanto siamo cittadini europei.

 12) Avete avuto molte difficoltà nell’avviare la vostra attività?

  • Nessuna in particolare, fino ad ora.

13) In che modo la cultura del lavoro italiana differisce da quella del vostro paese?

  • In Italia la vita in famiglia è tuttora più importante rispetto a quella lavorativa. Gli italiani lavorano veramente sodo e sono molto coscienziosi in generale, ma la loro vita domestica e la famiglia restano sempre molto importanti. Di conseguenza si assicurano di avere tempo da dedicare non solo al lavoro ma anche ai propri famigliari. Questo è uno dei motivi principali per cui abbiamo deciso di trasferirci qui.

14) Com’è il costo della vita in Italia se confrontato con quello del vostro paese d’origine?

  • Comparabile con il costo della vita nel Regno Unito. Alcuni prodotti di uso quotidiano sono meno costosi e mangiare fuori è sicuramente più economico, ma l’elettricità e il gas sono davvero molto costosi in Italia. E ci sono tasse su tutto!

15) Quali sono i lati negativi (se ce ne sono) del vivere in Italia?

  • I prezzi dell’energia elettrica e del gas…abbiamo cercato di rendere la nostra attività ecologica attraverso l’elettricità solare ed il riscaldamento alimentato a legna dalla nostra terra, ma nonostante ciò le bollette da pagare continuano ad essere più elevate rispetto a quando vivevamo nel Regno Unito!

16) Quali consigli ti senti di dare ai futuri ‘expats’ e a tutti coloro che stanno considerando l’idea di trasferirsi in Italia dall’estero?

  • Imparare il più possibile la lingua italiana prima di trasferirsi. Questo renderà più facile fare amicizia ed inserirsi nella comunità.

17) Ripensando alla scelta fatta, c’è qualcosa che cambieresti?

  • Viviamo a 600m sopra Ascoli Piceno. La temperatura è incantevole in estate quando abbiamo ospiti nella nostra tenuta, ma in inverno è davvero molto freddo! Se potessimo tornare indietro, probabilmente opteremmo per un po’ più in basso.

18) Perché la gente dovrebbe visitare e scoprire le Marche?

  • Varietà. C’è qualcosa per tutti qui. Bel tempo e bellissimi paesaggi. Montagne, mare con spiagge sabbiose, ottimo cibo, olio d’oliva e vini di alto livello, città storiche sulle colline e nelle vallate, prodotti artigianali, numerose attività sportive, festival estivi. Persone cordiali e sinceramente felice di darvi il benvenuto ‘a casa loro’.

19) Anche voi scrivete su un blog. Potete parlarcene un po’ e dirci quando e perché avete deciso di aprirlo?

  • Abbiamo iniziato a scrivere un blog quando siamo arrivati ​​per far sapere ai nostri amici e parenti come stavamo e come procedeva la nostra esperienza in Italia. Si è poi evoluto per raccontare a potenziali clienti la vita qui nelle Marche, con la speranza di attirare più persone a visitarle. L’anno scorso abbiamo considerato che Facebook poteva essere più semplice da usare per mostrare foto e così abbiamo aperto anche la nostra pagina Facebook appositamente per mostrare la casa a disposizione degli ospiti, oltre che la zona e i paesaggi che si possono visitare qui .

20) Potete lasciarci i links di riferimento per visitare il vostro sito e la pagina Facebook?  

UN GRAZIE DI CUORE A MARTINE, DAVID E GEORGE PER AVER CONDIVISO CON NOI LA VOSTRA BELLISSIMA ESPERIENZA!dscf1360

 

Advertisements

2 thoughts on “Una bella storia di una famiglia inglese emigrata…nelle Marche!

  1. Pingback: I sogni son desideri che possono diventare realta’: parola di “Merry le Marche”! – Discovermarche

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s