Conte Leopardi: quando vino e territorio diventano un’unica passione

Ogni volta che rientro in Italia non riesco a rinunciare alle varie prelibatezze che mi vengono offerte. Le tentazioni a cui resistere sono davvero troppe!

Durante il mio ultimo soggiorno la scorsa primavera, ho deciso di frequentare un centro fitness per mantenermi in forma prima dell’arrivo dell’estate e, soprattutto, per non rinunciare alle delizie della mia terra! Proprio qui ho conosciuto Lidia, moglie del conte Piervittorio Leopardi Dittajuti, titolare dell’azienda Conte Leopardi.

Lidia e Piervittorio, titolari dell'Azienda Agricola Conte Leopardi Dittajuti

Lidia e Piervittorio, titolari dell’Azienda Agricola Conte Leopardi Dittajuti

Lo stemma della casata presenta un leopardo che reca una croce

Lo stemma della casata presenta un leopardo che reca una croce: le origini dell’attuale azienda agricola sono antiche e ricche di storia

A Numana, i coniugi, conducono con molto successo l’azienda agricola di famiglia. Ho raccontato a Lidia di Discovermarche, dove scrivo spesso della Riviera del Conero e di quanto sia ‘innamorata’ di questa zona speciale delle Marche. Cosi Lidia mi ha invitata a visitare la cantina e i loro vigneti, per scoprire le varie eccellenze coltivate in questa zona. La Riviera del Conero, infatti, oltre ad essere un luogo d’infinita bellezza naturale, offre caratteristiche geologi­che e climatiche che favoriscono la viticoltura sin dai tempi più remoti, consentendo la produzione di uve di grandissimo pregio.

Vista panoramica della Riviera del Conero

Vista panoramica della Riviera del Conero

L’azienda agricola Conte Leopardi ha sede a Numana e produce i suoi vini esclusivamente esclusivamente dai vigneti di proprietà, garantendone l’intera filiera di produzione. In totale, sono 45 ettari a vigneto di proprietà, situati ai piedi del Monte Conero e ad un passo dal Mar Adriatico.11040173_1668872703350137_7036800047789807910_o

La breve distanza dal mare influisce poi positivamente sulle caratteristiche organolettiche dei vini. Il tipo di allevamento a spalliera a 4500 piante per ettaro e la corretta potatura, abbinati alle caratteri­stiche del suolo, marnoso e calcareo, alla buona esposizione e al clima, mediterraneo e ventilato, ideale per la vite, fanno sì che le uve prodotte in questi vigneti siano di grandissima e costante qualità, atte a pro­durre vini che risaltino per la loro tipicità, l’intensità degli aromi e la buona struttura.12079838_1673444362892971_3607344491431779317_o

Il vino più tipico è il Rosso Cònero DOC, disponibile in tre differenti tipologie: il più importante, il “Pigmento”, affinato in barrique;11540896_1635332580037483_7886318976406871844_n la selezione “Vigneti del Coppo”, che è il più tradizionale, mentre il “Fructus” è il più giovane. Un altro vino rosso importante è il “Casirano” ottenuto da uve di vitigni autoctoni ed internazionali.731135_0509f68cbe3d4f8193695de5e331c3f1

Tra i vini bianchi, ottenuti da uve Sauvignon vi sono il “Bianco del Coppo”, floreale e fruttato, 11206685_1616392888598119_6867532782623757939_oed il “Calcare”, ricco di aromi molto intensi e persistenti.2016-25-7--11-47-06

Completano la gamma dei prodotti lo spumante brut “Villa Marina” metodo charmat.BOTTIGLIE NUOVE 2016

Oltre ai vini l’azienda un pregiato olio Extra Vergine di Oliva dalla raccolta a mano delle olive del proprio oliveto. La spremitura a freddo ne mantiene intatti pregi gustativi e proprietà nutritive. Da cui un olio ricco in polifenoli, sostanze antiossidanti necessarie al benessere e alla salute.10835467_1617620758475332_5504004135225120139_o

Ciò che mi ha colpito profondamente durante la mia visita è il legame tangibile tra i coniugi Leopardi e il territorio. Nelle parole di Piervittorio e di Lidia trasuda evidente l’amore e il rispetto non solo per la terra, ma anche per il paesaggio che è sempre esaltato nei loro commenti.

Numana, 13/09/2006. Il conte Piervittorio Leopardi dittajiuti nella sua casa e nella sua azienda vitivinicola. PH: Luca Zanoni/CLICPHOTO

Il conte Piervittorio Leopardi Dittajiuti nella sua azienda vitivinicola.
PH: Luca Zanoni/CLICPHOTO

Ecco perché sono particolarmente lieta di poter dedicare un articolo a questa formidabile azienda, la cui attenzione non è soltanto rivolta esclusivamente alle risorse tecniche e alla produttività, ma anche all’ecosistema utilizzando pannelli solari per il funzionamento della sua cantina e macchinari a basso impatto ambientale nei trattamenti alla vigna. Nell’azienda Conte Leopardi, la tradizione si unisce alla modernità e alla tecnologia.

731135_37ecc8596c6942c8844a11d7818057b5

11217803_1616386641932077_4538198931658207331_n

Oltre ad essere un’amante della buona cucina, sono anche un’estimatrice del buon vino. Dopo la visita alla tenuta e ai vigneti, ho visitato la cantina dell’azienda. Qui Sara, collaboratrice impareggiabile di Lidia e Piervittorio nonche’ sommelier, si prende cura dei clienti e mi ha permesso di avere un’esperienza unica e indimenticabile durante la degustazione dei vini della Cantina Conte Leopardi.731135_1a084ecd7e00448298938e0e51a612d7.png_srz_1338_893_85_22_0.50_1.20_0.00_png_srz731135_07731ea2e41e447aa02b563bdce7ffb6~mv2.jpg_srz_1349_455_85_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srz

Se anche voi volete scoprire i sapori di questa terra e i prodotti di quest’azienda, potete prenotare la vostra degustazione direttamente dal sito della Cantina Conte Leopardi, collegandovi qui

Un suggerimento: non lasciatevi sfuggire il Pigmento DOCG…un vino semplicemente straordinario.IMG_1311 (1)

L’azienda Conte Leopardi riscuote molto successo anche negli Usa. Oltre che nella città in cui vivo i vini sono presenti in Connecticut, Illinois, California e Virginia, Texas, Colorado e Florida. Finalmente potrò invitare miei amici americani ad un aperitivo tutto marchigiano…direttamente a casa mia, a New York!

Olive ripiene allAscolana Ice Chef(1) (1)

Un grazie sincero a Lidia e Piervittorio per questa esperienza indimenticabile!!!

Per ulteriori informazioni riguardo all’azienda potete collegarvi al sito ufficiale, cliccando qui

Advertisements

4 thoughts on “Conte Leopardi: quando vino e territorio diventano un’unica passione

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s