Torre di Palme: il borgo piu’ bello (e romantico) d’Italia

Per tutti, Torre di Palme è uno dei borghi più bello d’Italia. Arroccato su un magnifico colle e affacciato sul mare Adriatico, da questo piccolo paese si ammirano scenari decisamente mozzafiato.

Il centro di Torre di Palme affacciato sul mare Adriatico

Per me, Torre di Palme ha un significato speciale: in via Piave, che attraversa il cuore del paese, ho dato il mio primo bacio. Incantata dalle piccole stradine e dai vicoli del centro storico, sedotta dall’atmosfera medievale, mi sono innamorata del mio primo fidanzatino.

E’ facile innamorarsi di… Torre di Palme:-)

Mentre passeggiavo con lui, mano nella mano, ascoltavo la sua voce raccontarmi la tragica storia, a me sconosciuta, di Antonio e Laurina.

Ricordo di essermi commossa quando, arrivata in Piazza Lattanzi, mentre stupefatta ammiravo lo spettacolo che il panorama offre, ho appreso che Antonio, soldato impegnato nella guerra in Libia, per non separarsi dalla sua amata, decise di non tornare al fronte al termine della sua licenza e di scappare con lei per non separarsene.

Scorcio laterale da Piazza Lattanzi…

Con vista mozzafiato di giorno…

…e incredibilmente romantica nelle luci della notte

I due amanti si nascosero nel Bosco del Cugnolo (oggi area Floristica protetta della Regione Marche in quanto unico frammento di Macchia Mediterranea presente in tutto il territorio). Trovarono riparo nella “Grotta degli amanti” e lì vissero d’amore con l’aiuto di alcuni pescatori che fornivano loro provviste, per poco più di una settimana.

La Grotta degli Amanti

Sentendosi in pericolo perché ricercati, i due fidanzati furono assaliti dalla paura ma, per non dividersi, decisero di legarsi l’un l’altra con lo scialle di lei e di lanciarsi dal Fosso di San Filippo. Persino la morte era meno dolorosa del distacco. Nell’impatto della caduta, Laura morì sul colpo, Antonino qualche giorno più tardi.

Oggi sono tornata a passeggiare tra le viuzze di questo borgo raffinato per godermi una bella giornata di sole e per farmi emozionare dagli scorci panoramici che solo questa piccola gemma è in grado di offrire.E, come ogni volta che torno, anche oggi, appena entrata nel cuore del paese , mi sono sentita sconvolgere dall’emozione dei ricordi.

Carissimi amici, nella società di oggi “Antonio” sarebbe considerato un pazzo, un folle privo di senso pratico. Ma mi domando: non è invece un eroe scomparso?

Bigger than love…an interview to lovely Issa and her ‘Le Marche Magic’

One of the things I love best of having started my blog is the chance to get in touch with many people and other bloggers.
I love to discuss and exchage points of view with people with different experiences, cultures and nationalities. This makes you feel close to so many friends, even at distance. Each of them with different interests and passions, but all linked from following a blog or from writing their own where they talk about what they particoularly care about. Sometimes it also happens to find bloggers with very similar passion to yours…that’s what happened with Issa, an American lady who moved in Le Marche seven years ago and I got in touch with thanks to her own blog: Le Marche Magic. Please keep reading this wonderful interview, which is also the outcome of a beautiful interaction between bloggers 🙂

Where are you originally from and when/where did you move to Italy? Did you move with family?  

  • I did not move with a family but on my own at 39 yrs of age. I moved here from where I was living at the time, the smallest state in the United States called Rhode Island. I moved here to be with my grandmother who lived in Florence. I say lived cause she passed away over a year ago. [We’re very sorry to hear that]screen-shot-2017-02-22-at-8-42-45-am

How did you find the transition to living in a foreign country? 

  • I found the transition extremely easy, since I am a woman who loves the challenges life presents me. I love people and traveling. I feel mother earth is our home and would love to meet as many different types of people with also different beliefs than my own, I feel this will complete me on my own life’s journey.

How does the Italian culture differ from home? Which aspect of Italian life was most difficult to get used to?

  • To be specific, Le Marche how it differs from home is that the lifestyle here is wholesome something I have not to pay a whole paycheck to have but here it is a way of life that I love. For me there was nothing difficult to get used to, it all came naturally to me because I feel this is a way of life we are supposed to live.

    A beautiful view of Le Marche by Issa

    A beautiful view of Le Marche by Issa

What are the locals like? Do you mix mainly with other expats?

  • I love the ‘marchigiani’! They have a way about them of watching you for about a year to sum up who you are before letting you in…This is good, because we all should pick the people in our lives the way we pick our fruit…I mix with expats who have integrated in to the lifestyle here only.

Was it easy meeting people, making friends and integrate into the community?

  • Yes, I have been very fortunate to have made many many wonderful life friends and also have been the witness/ maid of honor for a dear friend, as well. I do have a habit of making lifetime friends wherever I go. 

Is there anything you miss about living in Usa?

  • No.

What do you enjoy most about living in Le Marche and the Italian lifestyle?

  • The way I am able to live my life, healthy.

    Issa visiting the beautiful Torre di Palme

    Issa visiting the beautiful Torre di Palme

What’s your favorite Italian food?

  • Very hard question to answer because every region has a specialty, but I am partial to seafood. No I love seafood and vegetables … and here it is all fresh and that is wonderful!!!

In our blog we try to incentivize people from all around the world to find out more about Italy and particoularly about Le Marche and their local tradition. Have you ever visited Le Marche before and if so what did you love the most about Le Marche?

  • Before 2009 I had never heard of Le Marche…and I love EVERYTHING this is why I also have started a blog to bring the world here…secretly because it should remain a treasure always and the tourist that come to visit should be people who want to keep the traditions and help keep the goodies of Le Marche. I would hate anyone who came and disrespected this beautiful region of Italy. I would never want it to become like Venice or Florence or Rome for that matter.13612398_10153479861451330_6875354225667551878_n

How difficult was getting a work visa/permit?

  • I was lucky to have found my soulmate here…but I did try and get a 1yr visa and it is not an easy thing to get if your an American. First they want to know if you have at least $100,000.00 dollars in your bank account (I kid you not) they want proof…and you also need to have a monthly check from , social security or retirement. Just to make sure ur not coming here to steal work. I personally had over $45,000.00 and a letter from the Secretary of State of Rhode Island and a letter from someone here in Le Marche (who is very influential) to say they would house me free of charge to just write my book….yes, at the time I wanted to write a book as well. But when I met my husband to be, not a lawyer would touch me, but to be honest with the internet and my wits I managed to get all the paperwork needed through New York and a firm I hired there.14045740_10153564019726330_1275270544717984653_n

How does the Italian work culture differ from your country?

  • Here they believe in family and…vacations.

How does cost of living compare to home?

  • It is so much cheaper here to live.

What negatives, if any, are there to living in Italy?

  • None!!!

What are your top tips to any future expats or people considering moving to Italy from abroad?

  • Do it!!! Live everywhere you find your place on this earth and be limitless with your life.14925661_10153762396866330_631706273925303767_n

In retrospective is there anything you would change?

  • Not a thing.

Why should people visit Italy? 

  • Well from everything I have written above, it is obvious that I believe that every human being should travel. “Mother Earth is our home, just like you know all that is in your house. One should visit and try and understand as many humans beings living on our planet. Maybe we don’t incorporate always their lifestyles into our own, but what makes us RICH is at least understanding where they are coming from.” [Quote by Issa:-)]

You are also writing your own blog.  Can you tell us a bit about it and when/why did you start your blog?  

  • Yes my blog is called Le Marche Magic, I love where I live here in Le Marche and have found MY OWN special place on our mother earth. I would like to share it, I feel the untouched nature of Le Marche can really help and touch many people. Even if they come for a visit or to live. Le Marche is a way of life.14890512_10153766806646330_5066149853472691443_o

I hope you all enjoyed this enthusiastic and pleasant interview from Issa.

Please don’t forget to visit her blog about Le Marche: http://www.lemarchemagic.com

I closed my original interview with a

“GRAZIE MILLE ISSA!”

and I’d like to share her lovely reply…

“You are very welcome! I hope I answered all your questions to your satisfaction. It was extremely easy for me to write all my answers since my fingers just flowed with love of writing about the place I love. A place called Le Marche.

With pleasure”, Issa 2/21/2017 Grottazzolinafullsizeoutput_28b0

 

 

Un amore grandissimo…intervista all’adorabile Issa e il suo “Le Marche Magic”

Una delle cose che mi piace di piu’ dello scrivere un blog e’ quella di poter entrare in contatto con tantissime altre persone e blogger. Capita spesso di scambiare opinioni e di discutere con persone con esperienze, culture e nazionalità’ diverse. Un vero e proprio scambio che permettere di sentirsi vicini a tanti amici, anche lontani. Ognuno con interessi e passioni diverse, ma legate dal seguire o scrivere un proprio blog, dove parlare di qualcosa a cui si tiene particolarmente. A volte capita anche di trovare altri blogger con passioni molto simili alle nostre…cosi e’ stato con Issa, ragazza americana trasferitasi nelle Marche sette anni fa’ e conosciuta grazie al suo blog: Le Marche Magic. Vi lascio a questa bellissima intervista, frutto di una bellissima interazione tra bloggers:-)

Qual’è la tua nazione d’origine e dove/quando ti sei trasferita nelle Marche? Ti sei spostata con la famiglia?

  • Non mi sono spostata con famiglia a seguito, ma per conto mio all’eta’ di 39 anni. Mi sono trasferita da dove vivevo all’epoca, ovvero il piu’ piccolo degli stati americani: Rhode Island. Mi sono trasferita per stare vicina a mia nonna che viveva a Firenze, la quale sfortunatamente e’ venuta a mancare un anno fa’. [Ci dispiace tantissimo]screen-shot-2017-02-22-at-8-42-45-am

Come è stato il passaggio e l’ambientarsi a vivere in un paese straniero?

  • Per me e’ stato estremamente facile, in quanto mi considero una donna che ama le sfide che la vita mi presenta. Amo le persone e viaggiare. Credo che Madre Terra sia la nostra casa e mi piacerebbe incontrare il maggior numero di persone diverse possibile, con culture, credo ed esperienze diverse dalla mia. Ritengo che in questo mi possa completare a livello personale nel cammino della mia vita.

In che modo la cultura italiana differisce dalle tua? A quale aspetto della vita italiana è stato più difficile abituarsi?

  • Per essere precisi, lo stile di vita qui è qualcosa di sano. E’ il tipo di vita che amo. Per me non c’e’ stato nulla di particolarmente difficile a cui abituarmi. Tutto è successo naturalmente, perché per me questo è il modo in cui tutti dovremmo vivere.

    Un bellissimo panorama delle Marche scattato da Issa

    Un bellissimo panorama delle Marche scattato da Issa

Come sono le persone del posto? Vi trovate spesso con altri ‘expats’ (emigrati)?

  • Amo i ‘marchigiani’! Hanno un certo non so che’ di guardarti per un po’ per capire davvero chi sei per poi lasciarsi andare ed accoglierti a braccia aperte…Questo è un bene, perché tutti noi dovremmo scegliere le persone nella nostra vita con la stessa cura con cui scegliamo la frutta. Mi trovo solo con altri expats che come me si sono integrati appieno con il nuovo stile di vita.

E’ stato semplice incontrare nuove persone, trovare amici e integrarsi con la comunità’?

  • Sì, sono stata molto fortunata ad avere incontrato davvero moltissimi amici meravigliosi e sono stata anche la damigella d’onore per una cara amica. Ho la fortuna di instaurare delle vere amicizie ovunque io vada.

C’e’ qualcosa che ti manca del vivere in America?

  • No.

Cosa ti piace di più delle Marche e dello stile di vita italiano?

  • Il modo in cui vivo la mia vita: in maniera sana.

    Issa nella bellissima Torre di Palme

    Issa nella bellissima Torre di Palme

Qual’e’ il tuo cibo italiano preferito? 

  • Domanda molto difficile a cui rispondere perché ogni regione ha la sua specialità. Personalmente la mia preferenza ricade sui piatti a base di pesce. Adoro anche la frutta e le verdure in generale…qui tutto e’ fresco, il che è meraviglioso!!!

Con il nostro blog cerchiamo d’ incentivare le persone provenienti da tutto il mondo a scoprire Le Marche e le tradizioni locali. Che cosa ti piace di più delle Marche e qual è la differenza più grande rispetto ad altre regioni italiane?

  • Prima del 2009 non avevo mai sentito parlare delle Marche…e adoro davvero ogni cosa delle Marche. Questo è anche il motivo per cui ho anch’io ho iniziato a scrivere un blog con lo scopo d’incentivare quante piu’ persone possibili e da ovunque a visitare Le Marche…un po’ in segreto perché vorrei comunque che rimanessero un tesoro. E allo stesso tempo perche’ il turista che viene a visitare Le Marche dovrebbe essere una persone che desidera mantenere le tradizioni locali e supportare i ‘tesori’ delle Marche. Mi dispiacerebbe molto se qualcuno mancasse di rispetto a questa bella regione d’Italia. Non vorrei mai che diventasse come Venezia o Firenze o Roma in termini di ‘turismo di massa’.13612398_10153479861451330_6875354225667551878_n

Quanto è stato difficile ottenere un visto di lavoro/permesso?

  • Sono stata fortunata ad aver trovato la mia anima gemella qui...tuttavia avevo provato ad ottenere un visto di 1 anno e non è affatto semplice per una persona di nazionalita’ americana. Prima di tutto e’ necessario disporre di almeno $ 100,000.00 dollari sul proprio conto corrente (non sto’ scherzando) e fornirne le prove…Inoltre, e’ necessario avere un assegno mensile o una pensione. Questo per attestare che non si e’ venuti qui per portare via lavoro. Personalmente avevo più di $ 45,000.00 e una lettera del Segretario di Stato di Rhode Island oltre che una lettera da qualcuno qui nelle Marche (una persona molto influente) per confermare che mi avrebbero ospitato gratuitamente al solo scopo di scrivere il mio libro…sì, all’epoca volevo scrivere anche un libro.
    Ma quando ho incontrato il mio attuale marito, nessun avvocato avrebbe potuto fare obiezioni. Tuttavia, grazie ad internet e al mio ingegno, sono riuscita ad ottenere tutte le pratiche burocratiche necessarie tramite un’agenzia a New York.14045740_10153564019726330_1275270544717984653_n

In che modo la cultura del lavoro italiana differisce da quella del vostro paese?

  • Qui si crede feramente nella famiglia e…nelle ferie!

Com’è il costo della vita in Italia se confrontato con quello del vostro paese d’origine?

  • Il costo della vita in generale e’ molto meno costoso qui.

Quali sono i lati negativi (se ce ne sono) del vivere in Italia?

  • Nessuno!!!

Quali consigli ti senti di dare ai futuri ‘expats’ e a tutti coloro che stanno considerando l’idea di trasferirsi in Italia dall’estero?

  • Fatelo!!! Provate a vivere ovunque nel mondo finche’ non troverete il vostro posto ideale su questa terra e cercate di limitare il meno possibile la vostra vita.14925661_10153762396866330_631706273925303767_n

Ripensando alla scelta fatta, c’è qualcosa che cambieresti?

  • Assolutamente non una virgola.

Perché la gente dovrebbe visitare e scoprire l’Italia?

  • Ebbene da tutto quello che ho scritto sopra, è scontato che io sia fortemetne convinta del fatto che ogni essere umano dovrebbe viaggiare.
    “Madre Terra è casa nostra, proprio come si conosce tutto ciò che è in casa propria. Chiunque dovrebbe visitare e cercare di capire quanti piu’ altri popoli e culture che vivono il nostro pianeta. Probabimente non assimileremo sempre il loro stile di vita al nostro, ma ciò che rende ricca una persona è almeno capire le loro radici culturali” [Citazione da Issa :-)]

Anche tu scrivi su un blog. Ti va’ di parlarcene un po’ e dirci quando e perché hai deciso di aprirlo?

  • Sì. Il mio blog si chiama Le Marche Magic, amo vivere nelle Marche e sento di aver trovato IL MIO posto speciale sulla madre terra. Vorrei condividerlo, sento che la natura incontaminata delle Marche potrebbe davvero aiutare e far sentire a casa molte altre persone. Sia per una semplice visita che per viverci. Le Marche è un modo di vivere.14890512_10153766806646330_5066149853472691443_o

Cari amici, spero che l’intervista ad Issa sia stata piaceole e soprattuto sia riuscita a trasmettervi il suo forte enusiasmo e passione per Le Marche.
Mi raccomando visitate il suo blog sulle Marche: http://www.lemarchemagic.com
Dopo aver inviato la lunga serie di domande ad Issa, ho chiuso l’email con un: “Grazie mille ISSA!” e vorrei condividere la sua bella risposta con tutti voi…

“Prego, figurati! Spero di aver risposto bene a tutte le domande. Per me e’ stato estremamente facile e mentre scrivevo le mie dita scorrevano solo con l’amore di scrivere di un posto di cui sono innamorata: Le Marche”

Con affetto,

Issa 21/02/2017 Grottazzolinafullsizeoutput_28b0

A piece of history in a traditional musical instrument: the accordeon!

I’m an hopeless romantic, I love spending afternoons browsing old photos and thinking about moments of the past. I love savoring the joyful moments experienced, and feeling close to the people who filled them.

Last Holidays were particularly nostalgic and I had been thinkig about my family a lot. Memories of when I was a child and I used to play together with my grandparents and my cousins.

Today’s technology allows to capture millions of moments of everyday’s life: take a picture of any event, even the least significant ones. Maybe this is the reason why old photos have a more “intense relevance”, as if they were more “real”.

In the past, pictures were taken to enclose really memorable moments and when you looked back at them, well…you have the feeling you’re brought back in time. When I was a child, it was very common to get together with all neighbours, both young people and grown-ups.

I remember very well when adults just winked at each other and that was enough to start celebrating, without any particoular reason. My father started playing the accordion, my aunt began to sing the notes of the melody and then we were all suddenly dancing, young and old people, all together, in the street.img-20170127-wa0003

Sometimes this off-the-cuff street parties happeed to celebrate a profitable workday in the farmland, or a national holiday, in short, it did not take much to get the party started!

Looking back on these pictures I thought that many of our traditions are gone or fading. And that’s why last month when I was back to Italy, I decided to go and visit the International Museum of Accordeon in Castelfidardo, that has been the town with the largest production of this instrument for over a century.screen-shot-2017-02-05-at-21-29-19

In addition to documenting the history of this famous instrument, the museum pays tribute to the many craftsmen and industrial entrepreneurs, who through their commitment, have helped transforming culturally this area of Le Marche.1data38

1data39And from Castelfidardo, in fact, is also the famous Paolo Soprani, who created a workshop at the end of 800, where he improved the quality and the aesthetic of the accordion. imagesOriginally, that was just a Viennese rudimentary contraption. Paolo made the first modern accordion and gave birth tor a flourishing craft industry of this instrument.superking

The quality of accordions made in this charming town, is appreciated all over the world. To my grandfather, his accordion was more precious than a gem. Indeed, it was his own gem!screen-shot-2017-02-05-at-21-33-27

1data02

The International Museum of Accordeon in Castelfidardo

1data071data19I would like to thank the staff of the Castelfidardo Accordion Museum for having welcomed and for coming with me in this beautiful “journey to the childhood memories”.screen-shot-2017-02-05-at-21-33-39

screen-shot-2017-02-05-at-21-31-55If you find yourself in Le Marche, my dear friends, please rememebr to add Castelfidardo in your destinations to visit. A few minutes from Loreto and the stunning park of Monte Conero, this town will offer breathtaking views. The proof of the pudding is in the eating!

15563190343_3f471989e7_b

For more information please visit to: http://www.museodellafisarmonica.it/

 

 

Un pezzo di storia delle Marche in uno strumento musicale popolare: la fisarmonica!

Sono un’inguaribile romantica, mi piace passare pomeriggi a sfogliare vecchie foto e a ricordare istanti del passato, riassaporare i momenti gioiosi vissuti, sentire vicine le persone che li hanno riempiti quei momenti.

Queste festività sono state particolarmente nostalgiche, ho pensato tantissimo alla mia famiglia, a quando ero bambina, ai nonni, ai miei cugini, alla spensieratezza con quale giocavamo tutti insieme.

La tecnologia di oggi ci consente di immortalare milioni di attimi della vita di tutti i giorni: immortaliamo qualsiasi evento, anche quello che non ha alcun significato. Forse è per questo che alle vecchie foto si attribuisce un significato più “intenso”, più “vero”. In passato, le foto erano scattate per racchiudere momenti davvero memorabili e quando si riguardavano le immagini catturate dall’obiettivo beh…..si riviveva l’istante nel pieno del suo calore.

Quando ero bambina, erano ancora molto diffuse le riunioni di quartiere sia tra i piccoli che tra i grandi. Ricordo benissimo quando tra gli adulti bastava un cenno per dar inizio ad una serata di festa, senza alcun motivo. Mio padre iniziava a suonare la fisarmonica, mia zia cominciava a cantare le note della melodia che ci faceva compagnia e si cominciava a ballare, grandi e piccoli, tutti insieme. In strada.img-20170127-wa0003

Magari accadeva per celebrare una giornata redditizia di lavoro nei campi, o un evento nazionale, insomma, bastava poco per dar inizio ad una festa.

Riguardando queste immagini ho pensato che molte delle nostre tradizioni sono sparite o stanno sbiadendo. Ed è per questo che appena rientrata in Italia, ho deciso di andare a visitare il Museo Internazionale della Fisarmonica di Castelfidardo che, per oltre un secolo, ne è stato il maggior centro di produzione.screen-shot-2017-02-05-at-21-29-19

Oltre a documentare la storia del celebre strumento, il museo rende omaggio ai molti imprenditori artigiani ed industriali che con la loro opera hanno contribuito a trasformare culturalmente questa zona delle Marche.1data381data39

E di Castelfidardo, infatti, è il famoso Paolo Soprani che crea, a fine 800, un laboratorio dove riproduce, migliorandone e abbellendone le qualità, l’accordeon (congegno rudimentale viennese) e genera la prima fisarmonica gettando le fondamenta per una florida industria artigianale di questo strumento.images

La qualità delle fisarmoniche prodotte in questa affascinante cittadina, è apprezzata in tutto il mondo.superking

Per mio nonno, la sua fisarmonica era più preziosa di un gioiello. Anzi, era il suo gioiello!screen-shot-2017-02-05-at-21-33-271data02

1data071data19Ringrazio immensamente il personale del museo della fisarmonica di Castelfidardo per avermi accolta e accompagnata nel mio “viaggio verso i ricordi d’infanzia”.screen-shot-2017-02-05-at-21-33-39screen-shot-2017-02-05-at-21-31-55

Se vi trovate nelle Marche cari amici, inserite Castelfidardo fra le mete da visitare: a pochi minuti da Loreto e dal bellissimo parco del Monte Conero, questo paese offre panorami mozzafiato. Provare per credere!15563190343_3f471989e7_b

Per Maggiori informazioni potete accedere al sito: http://www.museodellafisarmonica.it/

 

The”crescia sfojata” …and it’s finally Christmas!

It’s almost Christmas and we are ready to bake a traditional delicious dessert from Le Marche: the “crescia sfojata”

CRESCIA SFOJATA

For the dough:

2/3 cups all-purpose flour or grano tenero “00”

3/8 cups warm water

1 tablespoon of olive oil

1 teaspoon fine salt

For the filling:

2 green apples (about 1 lb)

15 walnuts

60-70 raisins

5 oz organic apple juice (or as an alternaitve: rhum, brandy, sherry)

2 spoons cane sugar

1 spoon cinnamon powder

some organic lemon peel

crescia-sfojata-1Start making the dough:

Warm up the water (it has to be warm enough, but not too hot). Sift the flour and add some salt and olive oil in a large mixing bowl and keep stirring the mixture. Using your hands, work the ingredients until it comes together. Turn out on a lightly floured surface and knead until smooth and elastic, about 8 minutes. Add more flour (sparingly) to the work surface only if it is absolutely necessary. Shape the dough into a ball; cover with a wet towel or a wrap and let rest on the work surface for about half an hour.

Making the filling:

Warm up the apple juice and pour it on the raisins in a bowl. Let the raisins absorb the moisture until they return to room temperature and turn soft (about 20 minutes). Peel the apples and cut into thin slices. Place them in a bowl and cover with cane sugar and roughly chop walnuts, well drained raisins. Add the cinnamon and lemon peels. Preheat oven at 390F.

Roll out the dough:

Spread a clean lined or cotton tablecloth (preferably washed with mild soap and rinsed well), flax or cotton, on the table. Spread some flour on top of it, take the dough and start flattening it by hands and then by a rolling pin. When the dough is thin enough start stretching and pulling it- outside with your fingers and making sure not break it. The dough should become almost transparent.

Place it back on the tablecloth (the dough should be about 19 inches in size). Since the edges will be a bit thicker, use your fingers along the edge to make it thin. Spread out the filling on the dough, but make sure not to cover the the edge. With the help of the tablecloth, start rolling the dough on itself. Made a couple of turns and fold towards the inside the two outer edges and continue to roll until the end.

Gently transfer the dough on a baking sheet covered with baking paper. Brush it with melted butter and bake. Cook for 30-40 minutes until the pastry is golden.

Let cool and cut into slices.crescia-sfojata-2

“Buon Appetito” and Merry Xmas!

Thanks to our dear friends Silvia and Donatella from Fabrica del Gusto for sharing this sweet collaboration!

 

La Crescia Sfojata…ed e’ subito Natale!

Anche quest’anno il Natale si avvicina e noi di Discovermarche in collaborazione con le nostre amiche Silvia e Donatella di Fabrica del Gusto vi proponiamo un dolce tipico del Natale marchigiano: la “crescia sfojata”

CRESCIA SFOJATA (per 5/6 persone)

per la sfoglia:

  • 150 gr di farina 00
  • 100 gr di acqua calda
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale

per il ripieno:

  • 2 mele Renette (circa 400 gr)
  • 15 noci
  • 60-70 gr di uvetta sultanina
  • 150 ml di succo di mele bio (in alternativa rum/brandy/sherry)
  • due cucchiai di zucchero di canna
  • un cucchiaio abbondante di cannella in polvere
  • scorza grattugiata di un limone biocrescia-sfojata-1Preparate l’impasto per la sfoglia: 


Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora.

Preparate il ripieno:

Riscaldate il succo di mele e versatelo in una ciotola dove avrete messo l’uvetta. Lasciate ammorbidire per una ventina di minuti. Lavate sotto l’acqua corrente le mele, sbucciatele, toglietene il torsolo, tagliatele a fettine sottili. Mettete le fettine di mela in un recipiente, aggiungete lo zucchero di canna, le noci tritate grossolanamente, l’uva scolata e ben strizzata, la cannella e la scorza del limone. Riscaldate il forno a 200° C (modalità statica).

 Stendete la sfoglia:

Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinatela leggermente, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia (dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato). Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.

Disponete sulla sfoglia il ripieno avendo cura di lasciare liberi 2 cm dal bordo.

Aiutandovi con la tovaglia sollevate la sfoglia ed iniziate a rotolarla su se stessa. Fatti un paio di giri, ripiegate verso l’interno anche i due lembi esterni e continuate ad arrotolare fino alla fine. 

Trasferite delicatamente la sfoglia su una teglia ricoperta di carta da forno, spennellatela con burro fuso ed infornate. Cuocete per 30-40 minuti fino a quando la sfoglia risulterà dorata.

Lasciate raffreddare quindi tagliate a fettine.crescia-sfojata-2Buon Appetito e Buon Natale!!!