A day trip to discover the Monte Sibilla with Martine from the Roccolo in Ascoli Piceno

“The other day I reached out to my friend Martine from the Roccolo Holiday Cottage in Ascoli Piceno (you can read the interview to this beautiful English expat family: here)  Among other things, we ended up talking about an amazing hike Martine and her family had in the Sibillini mountains some months ago. The description was so enchanting that she promised she was going to write a post about that day trip! So, she did and today I’m happy to share this post of hers with you…be aware, you might want to come over here, you too!”

One day in Autumn we drove from our home into the nearby Sibillini mountains for a walk. We headed for the Rifugio Sibilla, not far from Montefortino. Having driven up the steep gravel track we parked outside the Refuge and headed up the small path to the ridge behind that then leads (mainly) gently up to the peak of Monte Sibilla. I say mainly as the peak is at 2173m, which is no small mountain! DSC_2842-15There is also an old road which leads up the side of the mountain and then approaches the peak from behind, a longer route and gentler again, but not as spectacular in it’s views.

The first part of the route is the steepest but after 45 minutes we arrived on the ridge next to a small false peak. George was elated as he thought he had made it….but no.DSC_2856-17

Then started a beautiful walk slowly upwards through shifting cloud towards the distant peak, and it is distant, but at least we could always see what we were heading for! DSC_2843-31

DSC_2867-29One of the beauties of these mountains is the constantly changing weather, which can also make them dangerous, but on this day allowed us to look over the cloud to the southern side of the ridge whilst looking down clearly on the Eremo di San Leonardo on the northern side!DSC_2883-21

We lunched in the sun on the peak whilst enjoying views all the way to Gran Sasso, the highest peak in the Apennines, although our nearer views were limited!DSC_2880-25

On the way back down we all found ourselves with halos. We love the weather here!DSC_2891-23The walk is about 5km total with 650m climb and took us 5 hours including breaks and lunch stop. It does require a certain level of fitness as for any high mountain walk. There is one very short exposed section with a fixed wire for support but otherwise is a steady ridge walk. We chose to return the way we had gone up but a circular walk can be achieved by continuing over the peak, along the ridge until the aforementioned track is met, which will lead you back down to the refuge by a longer route.
Monte Sibilla is in the Monte Sibillini mountains, an hour’s drive from Il Roccolo Ascoli Piceno. For more information on the area or on staying with us please visit our website http://www.roccoloascoli.com 

Martin, David and their son George

Martine, David and their son George

“Thank you Martine for sharing this extremely interesting post and absolutely gorgeous pictures! Now I just want to go there…would you like to come with me?”

Olive all’ascolana: le regine del fritto!

 

18.Olive_lowUna croccante sfera dorata, un ripieno succulento…stiamo per parlare di uno dei piatti tipici piu’ amati della cucina marchiginana: le “Olive all’Ascolana”.

Le olive all’ascolana devono il loro nome alla città di Ascoli Piceno. Sono composte da olive verdi in salamoia, farcite all’interno da un composto tenero a base di carne.zoom_48818529_greche

La storia dell’ oliva ascolana è lunga…
Già nell’antichità le olive in salamoia (verdi e nere) rappresentavano un pasto molto nutriente, tanto che i legionari romani se ne nutrivano e portavano sempre nelle loro bisacce un pugno di olive per i momenti più duri.
I ricchi cercavano però qualcosa di meglio e quindi si rivolgevano alle olive picene che Ascoli (capitale del Piceno) esportava a Roma.
La qualità fu apprezzata anche dai monaci Benedettini-Olivetani, mentre il Papa Sisto V che se le faceva mandare in Vaticano. Conosciute ed apprezzate in Italia e all’estero, le Olive all’Ascolana sono un piatto degno di una certa attenzione!

 

Ecco la nostra ricetta…

OLIVE ALL'ASCOLANA...

Olive all’Ascolana…

Ingredienti:

2 cucchiai di olio d’oliva
1 cipolla tritata
1 carota tritata
1 gambo di sedano tritato
1 kg olive verdi in salamoia (varietà Tenera Ascolana)
100 g di macinato di maiale
100 g di macinato di manzo
100 g di macinato di pollo
1 bicchiere di vino bianco
prezzemolo tritato
3 uova (una per l’impasto e 2 per l’impanatura)
2 cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato
scorza grattata di mezzo limone
noce moscata
pangrattato
sale
farina
olio di girasole

Procedura:

Scaldare l’olio di oliva in una padella larga e farla dorare a fuoco medio. Aggiungere la carota ed il sedano tritati e continuare a cuocere per 5 minuti. Aggiungere la carne macinata e fare dorare a fuoco medio. Aggiungere il bicchiere di vino e lasciare evaporare. Abbassare la fiamma e cuocere per 30 miniuti a fuoco basso. Salare.

Una volta che la carne si sarà raffeddata, tritarla il più finemente possibile (usare un robot da cucina). Incorporare l’uovo, il formaggio grattugiato, la noce moscata, 2 cucchiai di pangrattato, la bucci di limone ed il sale .

Amalgamare bene tutti gli ingredienti e raccoglierli in una ciotola.

Preparate le olive: con un coltellino denocciolarle iniziando dalla parte superiore del frutto e ritagliando a spirale la polpa.

olive-ascolane.4

DSC_8385Farcire le olive con il composto della ciotola, compattarlo molto bene.

Ecco come appare l'oliva ripiena!

Ecco come appare l’oliva ripiena!

Passare le olive prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e, infine, nel pangrattato.

IMG_2960

IMG_2958Friggete in una padella con abbondante olio di girasole a fuoco moderato, dando tempo al composto di cuocere insieme all’oliva.

Quando saranno cotte, sgocciolate le olive, mettendole su una carta assorbente da cucina, e servitele quando sono ancora calde. olive-300x261“Buon Appetito!”

 

 

Olives Ascolana: the queens of deep-fried dish!

18.Olive_lowA crispy golden ball, a juicy filling… today our post is all about one of the dishes most loved from Le Marche culinary tradition: the ‘Olives Ascolana’.
These stuffed olives owe their name to the town of Ascoli Piceno. They are made of in brine green olives, stuffed inside with a tender mix of meat.

zoom_48818529_grecheThe history of ‘Olives Ascolane’ is long…Even in ancient times, pickled olives (green and black) were considered as a very nutritious meal. In fact, the Roman soldiers always carried some in their saddlebags for the toughest moments.

Rich people in Rome, however, were looking for something more exclusive and loved the  taste of olives imported from Ascoli Piceno.
The quality of ‘Olives Ascolana’ was also appreciated by the Benedictines-Olivetan monks, while even the Pope Sixtus V had them sent to the Vatican.

Olives Ascolana has gained success and been loved in Italy and abroad, in the past as of today: in short, a dish worth of some attention!

OLIVES ASCOLANA...

OLIVES ASCOLANA…

The recipe of the “Olives Ascolane” is dated back to the 1800. It’s a starter made of fried green olives, stuffed with minced meat and spices. Here is our favourite recipe for you today…
Ingredients

2 tbsp olive oil
1 onion, chopped
1 carrot, chopped
a small celery stalk, chopped
60 green pickled olives
100 grams ground pork
100 grams ground beef
100 grams ground chicken
1 cup of white wine
3 eggs beaten (one for the stuffing, 2 for the breading)
1 handful of parsley, finely chopped
2 tbsp of grated parimsan cheese
1 rind of half lemon
pinch of nutmeg
breadcrumbs
salt
flour
vegetable oil for frying

Procedure:

Heat the olive oil in a large pan and fry the onion over medium heat until soft
and translucent. Add the carrot and celery and fry for another 5 minutes. Add the meat and brown thoroughly on all sides. Add salt to taste. Pour the wine in and reduce the heat. Simmer for 30 minutes.

In the mean time, remove the pits from the olives as described above.

olive-ascolane.4DSC_8385Once the meat has cooled off, add it to a food processor and grind to a very fine
paste. In a bowl, combine the breadcrumbs, cheese, egg, parsley, lemon rind, cloves, nutmeg and meat paste to a consistent, smooth stuffing.

Stuff every olive with a tiny ball of meat paste and put it back in its original shape.

Stuffed olive

How the stuffed olive looks like

For the breading, dust every olive in flour, then dunk it into the egg mixture and
finish with a layer of breadcrumbs. For a thicker crust, you can repeat this process.

IMG_2960

IMG_2958

Add 5-7 centimeters of vegetable oil to a small frying pan and heat to 175-180 °C. Deep-fry the olives in small batches until golden brown. Transfer to a bowl lined with paper towels and serve, preferably piping hot. olive-300x261

“Buon Appetito!”

In Amore vince chi Frigge…parola di “Fritto Misto” 2016!

Come per la maggior parte di noi donne, anche per me la sana alimentazione rappresenta la mia croce e delizia. E come tante, ho sempre pensato che evitare i cibi fritti rappresentasse una buona soluzione contro l’accumulo di calorie e contro malattie derivanti da cattiva alimentazione.

12933052_1371688899523987_1660084628449091692_nDa 12 anni nel centro storico di Ascoli Piceno, si tiene l’evento “Fritto Misto”: il più importante avvenimento dedicato alla frittura. Sono stata invitata alla prossima edizione, quella che prenderà’ il via a partire da domani e per due fine settimana (dal 22 Aprile al 1 Maggio), dalla mia amica Carla e la prima cosa che ho fatto dopo aver parlato con lei, è stata andare su internet e cercare informazioni sulla manifestazione.

Piazza del Popolo nel centro storico di Ascoli Piceno

Piazza del Popolo nel centro storico di Ascoli Piceno

L’evento rappresenta un appuntamento irrinunciabile per conoscere e assaporare i piatti a base di fritto della tradizione gastronomica italiana e straniera.

Dal classico fritto misto all'italiana...

Dal classico fritto misto all’italiana…

...ai deliziosi involtini primavera!

…ai saporiti involtini primavera dalla tradizione culinaria cinese…

...passando per i deliziosi "Apfelkiachl", dolci frittelle a base di mele direttamente dal Sud Tirol!

…passando per i deliziosi “Apfelkiachl”, dolci frittelle a base di mele direttamente dal Sud Tirol!

Rinomati maestri di cucina, fra i più famosi e apprezzati delle Marche, sono pronti ad accogliere i visitatori nell’area ‘Vini e Street Food di Marca’…FullSizeRender_2_low…preparando piatti prelibati che affondano le radici nella tradizione, senza paura di sperimentare nuove soluzioni: un’occasione imperdibile per degustare vere e proprie specialità gastronomiche e prodotti tipici!

Alici in carpione

Alici in carpione

Le foto meravigliose di cibi dorati e pronti ad essere degustati, hanno fatto esplodere il mio appetito e così ho iniziato una ricerca per capire se e come si può dire si al fritto.

Cotolette di mazzancolle...inutile dire quanto siano speciali!!!

Cotolette di mazzancolle…inutile dire quanto siano speciali!!!

Scoprire che ho disprezzato questo tipo di cottura gustosa per una vita intera senza ragione…beh, onestamente mi ha fatto sentire un po’ sciocca. I luoghi comuni e le cattive informazioni, spesso, ci inducono a preoccuparci inutilmente.FullSizeRender_3_B

Davvero non ero a conoscenza del fatto che la frittura avesse la capacità addirittura di stimolare il fegato accelerando il metabolismo e di ridurre la capacità degli alimenti di rilasciare zuccheri nel sangue.

Basta avere pochi accorgimenti. Per ottenere una sana frittura, è necessario seguire alcune regole importanti e allo stesso tempo molto semplici.

La preparazione di una sana frittura parte da alcuni fondamentali accorgimenti

La preparazione di una sana frittura parte da alcuni fondamentali accorgimenti

Innanzi tutto, utilizzare e una volta soltanto. La temperatura consigliata varia in base agli alimenti a partire da 130° fino ad arrivare a 180°. 08.pasta cresciutaE’ davvero consigliato inoltre, evitare di friggere troppo a lungo i cibi per evitare lo sviluppo dell’acrilamide, sostanza chimica cancerogena che si forma durante la cottura ad alte temperature.

Quindi fritto….siiiiii!!

Il delizioso gnocco fritto di Modena

Il delizioso gnocco fritto di Modena

Ora sono pronta ad assaggiare con serenità lo gnocco fritto di Modena, la tempura giapponese, insieme alle classiche olive all’ascolana che troverò a ‘Fritto Misto’!

...e le irrinunciabili, meravigliose olive all'ascolana della tradizione marchigiana! Impossibile resistere!

…e le irrinunciabili, meravigliose olive all’ascolana della tradizione marchigiana…impossibile resistere!

E voi che fate, venite?

Per maggiori informazioni e dettagli consultare il sito ufficiale dell’evento cliccando: qui

And the winner is…deep fried foods! “Fritto Misto” 2016 edition

As for most women, also for me keeping on an healthy diet is a mixed blessing. And like many other people, I’ve always thought that avoiding deep-fried foods is just the right thing to do, no matter what, if you want to cut down calories and to be protected against diseases caused by poor diet.

In love, the winner is the one who...deep-fries!

“In love, the winner is the one who…deep-fries!”

In the historic center of Ascoli Piceno, south of Le Marche, a popular event dedicated to frying takes place every year since 2004 and is called “Fritto Misto” (whose name actually refers to a traditional Italian recipe with an assortment of different seafood as well as meat or vegetables all battered and fried).

The central Square (Piazza del Popolo) in the old center of the city of Ascoli Piceno

The central Square (Piazza del Popolo) in the old center of the city of Ascoli Piceno

I’ve been invited to this upcoming event by my girlfriend Carla. The street food fair  is starting tomorrow and will be on over the next two weekends (from April 22, until May 1). After talking to her, I immediately looked up online to read more info about the event. This is actually a great opportunity to get to learn and also to taste different deep-fried dishes from the Italian and international culinary tradition, as well.

Starting from the classic Italian "fritto misto"...

Starting from the classic Italian “fritto misto”…

...to the savory chinese spring rolls...

…to the savory chinese spring rolls…

...as well as the delicious "Apfelkiachl", apple fritters from the German tradition!

…as well as the delicious “Apfelkiachl”, apple fritters from the German tradition!

Renowned chefs will welcome visitors in the Wine and Street Food section…FullSizeRender_2_low…preparing delicious dishes from the local tradition, while experimenting new recipe, as well. A fantastic occasion to taste many different gastronomic specialties and amazing local ingredients.

Deep fried anchovies: so tasty!

Deep fried anchovies: taste delicious!

The beautiful pictures of golden brown deep-fried foods I found online, literally teased my appetite.

Breaded tiger shrimps from the Adriatic Sea cutlets...it goes without saying how special they are!

Breaded tiger shrimps from the Adriatic Sea cutlets…it goes without saying how special they are!

So, I started making further research  to see if and how you can enjoy deep-fried foods. Finding out that I despised this tasty way of cooking for a lifetime without a true reason … well, honestly I felt a bit silly. The clichés and bad information often make us worry unnecessarily.FullSizeRender_3_B

I was totally unaware that frying does even have the ability to stimulate the liver and to speed up the metabolism while reducing the ability of food to release blood sugar. There are just have a few tricks that is worth to follow carefully in order to deep-frying  healthier way.

Deep-frying can be an healthy way of cooking if made in a correct way

Deep-frying can be an healthy way of cooking if made in a correct way

First of all, use a high quality extra virgin olive oil and do not use it more than one time. The recommended temperature depends on foods and ranges from 130°C/250F up to 180°C/350F.08.pasta cresciuta

It’s also very important to avoid to deep-fry long, in order to prevent the development of acrylamide, a carcinogenic chemical that develops sometimes during high temperatures cooking.

So…we can finally say “yes” to deep-fried foods!

The delicious 'gnocco fritto di Modena', an Italian deep-fried dough

The delicious ‘gnocco fritto di Modena’, an Italian deep-fried dough

Now I can’t wait to taste the “gnocco fritto from Modena” (a savoury fried  dough), as well as the tasty japanese tempura, along with the classic “olive all’ascolana” (or stuffed olives): all delicious foods that I will find at the ‘Fritto Misto’!

And what about you? Would you like to join me?

For more information and details please visit the official website: here

Una tradizione senza tempo: la Quintana di Ascoli

Screen Shot 2014-07-30 at 19.11.07Avevo 10 anni quando per la prima volta ho assistito al corteo dell’evento più famoso della città di Ascoli Piceno: la Giostra della Quintana, rievocazione storica nata nel 1955 per volontà di alcuni notabili che attraverso tale manifestazione, intendevano accrescere l’immagine della loro citta’ a livello nazionale.

Mia nonna insisteva dicendo che, almeno una volta nella vita, avrei dovuto assistere a questo evento unico. E così ogni anno mi ricordava di visitare Ascoli il secondo sabato di Luglio o la prima domenica di Agosto, in occasione dello spettacolo. Ricordo ancora le sue parole nel descrivere l’evento: “Il tempo sembra fermarsi e la città delle Cento Torri torna indietro fino al Medioevo per regalare un sogno a chi la visita.”

Ascoli: conosciuta anche come città' dalle Cento Torri

Ascoli: conosciuta anche come città’ dalle Cento Torri

Nello specifico, la Quintana e’ una gara equestre di abilità e destrezza che vede come partecipanti sei cavalieri, ognuno facente parte di un sestiere cittadino, che gareggiano per conquistare l’oggetto della contesa: il Palio. 

Il Palio: premio per il vincitore. In questo caso mostra la rappresentazione dei sei sestrieri in gara

Il Palio: premio consegnato al sestiere vincente

Questo è un drappo pregiato, in genere di tela, dipinto in varie tecniche da famosi artisti. Il Palio viene consegnato al sestiere vincente.

Per coloro che non conoscono né questa manifestazione né la città di Ascoli, può sembrare un evento del tutto banale o insignificante. In realtà, però, la Giostra non è solo un’importante esempio di rievocazione storica e un’attrazione turistica, ma è qualcosa che fa parte della vita cittadina e continua a vivere perché ha un’importante scopo sociale e uno strumento per esprimere orgogliosamente il proprio attaccamento alle proprie origini e al proprio sestiere di appartenenza.

Gli sbandieratori della Quintana presenti durante l'inaugurazione di Expo 2015

Gli sbandieratori della Quintana presenti durante l’inaugurazione di Expo 2015

Inoltre, gli abitanti di Ascoli preparano questo evento molti mesi prima dell’estate ed e’ per questo motivo che piu’ ci si avvicina all’estate e piu’ si attende con ansia e ci si prepara con vari eventi e manifestazioni d’altri tempi alla sfida della Quintana.8001280423765_2vfeipsk

Ogni anno si sono aggiunti nuovi costumi e nuove figure fino all’attuale composizione del corteo storico imponente e magnifico che si muove, con il passo cadenzato dell’antica arte militare, accompagnato per tutto il percorso della sfilata, dal suono di trombe, il lancio dei tamburini e sbandieratori che si esibiscono ininterrottamente.

Sbandieratori all'opera

Sbandieratori all’opera

Lo spettacolo che questi ultimi offrono all’interno del campo di gioco e’ davvero notevole e le loro coreografie accattivanti. 56gyhjL’intero evento della Quintana comprende diversi momenti che precedono la gara di alcuni giorni: come la lettura del bando, l’offerta di candele, la gara degli arcieri, il premio della bandiera e poi la sfilata del corteo storico all’interno del campo.

Varie rievocazioni storiche vengono organizzate in occasione dell'evento, tra queste: la lettura del bando

Varie rievocazioni storiche vengono organizzate in occasione dell’evento, tra queste: la lettura del bando…

Gara degli Arcieri

…o la gara degli Arcieri

E così, quando per la prima volta 25 anni fa, mi sono recata ad Ascoli con la mia famiglia, ricordo ancora l’intrepida attesa prima dell’evento. Inizialmente, non mi era chiara l’eccitazione della folla e l’euforia generale che si respirava. Ricordo all’improvviso lo smorzarsi dei toni quando in lontananza, si inizio’ a scorgere l’arrivo del corteo storico prima della gara.20140802_quinatana

8001308216458_z8kx15zk

L’emozione di quel momento e’ tuttora viva nei miei ricordi: finalmente vedevo sfilare dal vivo i vari figuranti in costume!

La Dama del Sestiere

La Dama del Sestiere

La dama di Sestiere è il personaggio che piu’ mi ha affascinato, soprattuto per il suo abito ricchissimo ed elaborato. Alcuni dei costumi più famosi sono oggi conservati nella sede dell’Ente Quintana in piazza Arringo, aperta al pubblico durante il periodo estivo.

Altre bellissime dame partecipanti all'evento...

Altre bellissime dame partecipanti all’evento…

8001308215968_ctdd7sojA chiudere la sfilata c’erano gli sbandieratori e i musici: i primi si esibiscono in curiose coreografie con le loro bandiere, mentre i secondi danno il ritmo alla sfilata con i loro tamburi. Tutti i figuranti entrano poi nel campo, dove avverra’ la gara.

Sbandieratori...

Sbandieratori…

...e musici!

…e musici!

…Ed infine: la tanto attesa Giostra, la quale proclama il sestiere vincente a cui verra’ consegnato il Palio!

Alcune immagini della Giostra dell Quintana...

8001341245198_1o2js7j7

…la corsa all’assalto del saraceno…

Porta Solestà

…ed infine: la proclamazione del Cavaliere e del sestiere vincente!

In occasione dell’edizione serale del 2015, ho voluto dunque dedicare un post a questo straordinario evento, il cui prossimo appuntamento è previsto per questo Sabato 11 Luglio.

Le Marche sono un luogo ricco di tradizioni tramandate di generazione in generazione! 

Questa è la terra da dove provengo, questa è la terra che Discovermarche vuol far conoscere al mondo!

Un ringraziamento alla Quintana di Ascoli per le immagini gentilmente fornite. Per ulteriori informazioni, potete visitare: http://www.quintanadiascoli.it

A timeless tradition: the Quintana of Ascoli

I was 10 years old when I attended for the very first time the Quintana Tournament, one of the most popular event in the city of Ascoli Piceno. The Quintana is a Medieval festival held every year since 1955 and was founded by a few notables who wanted to enhance the image of their city nationwide.

The popular Quin

The popular Quintana Tournament in Ascoli Piceno

My grandmother insisted saying that, at least once in my life, I should have attended this event.

Every summer she reminded me about visiting the city and I can still remember her words: “It feels like the city of Ascoli goes back in time to the Middle Ages to make people dream”

View of the city of Ascoli Piceno and its old towers

View of the city of Ascoli Piceno and its old towers

The Quintana is held every year the first Sunday of August on the occasion of the feast of Emidius , patron saint and first bishop of the city of Marche. But there is also an edition of Quintana at night, the second Saturday of July.

Specifically, the Quintana is a horse race with six knights, each competing for one of the six historic neighborhoods of the city, who ride the course one after the other trying to hit an effigy of an Arab warrior. The object of their contention is called: the Palio.

The Palio: award for just one winner.

The Palio: award for just one winner.

This is a fine cloth, usually canvas, painted in various techniques by famous artists. The Palio is delivered to the district winner.

For those who are not familiar with this event and either with the city of Ascoli, this event may seem quite common or insignificant. However, for the city of Ascoli this is the expression and synthesis of traditions, of their history and indissoluble bond to the land mentioned by ancient covenants which, in the Quintana, it preserves the memory. The event is followed and supported by all people of Ascoli, who are preparing for this event throughout the year.

Gli sbandieratori della Quintana presenti durante l'inaugurazione di Expo 2015

The flag-wavers of the Quintana exhibited at the Expo 2015 opening ceremony this year

Each year there has been the addition of new costumes and new figures up to the current composition of the imposing and magnificent historical procession that moves, with the measured tread of the ancient military art, accompanied for the entire route of the parade, by the sound of trumpets, the roll of the drummers and the flag-wavers who perform almost continuously. 8001280423765_2vfeipsk

The reading of the announcement

The reading of the announcement

The whole event of Quintana comprises several events happening during the whole week before conducting to the final competition of riders such as: the reading of the announcement, the offering of candles, the giving away of the archers, the prize of the flag and then the parade parade and the carousel in the field.

Gara degli Arcieri

The Archers

So, when 25 years ago, I finally attended the Quintana with my family, I still remember the eagerly wait before the event. Initially, I didn’t understand the excitement and the general euphoria of the crowd.

Then I remember the sudden fading of any noise when in the distance, we all started seeing the arrival of the Medieval parade.

...e musici!

8001308216458_z8kx15zkThe emotion of the moment is still alive in my memory: I was finally able to watch this event live!

The Queen of the district

The Queen of the Knight

The Queen of the Knight is the character I was most fascinated by and her dress was so rich and elaborate.

Other beautiful Queens taking part at the parade...

Other beautiful Queens taking part at the parade…

8001308215968_ctdd7sojClosing the parade were the flag bearers and musicians: the first exhibit in curious choreography with their flags, while the latter give rhythm to the parade with their drums. The parade finally enter and end in the playground, where the race takes place later.

Sbandieratori...

The flag bearers…

20

…and the musicians

… And finally: the splendour of the tournament, which proclaims the winning district the Palio will be delivered!

Some images from the Quintana Tournament...

The exciting ride of the Knight…

8001341245198_1o2js7j7

…the hit of the effigy of an Arab warrior…

The winning Knight!

…and finally: the winning Knight!

On the occasion of the upcoming evening edition of 2015, I really wanted to write a post about this extraordinary event, which will take place this Saturday, July 11.

Le Marche are a place rich in traditions handed down from generation to generation.

This is the land where I come from, this is the land Discovermarche wants to introduce to the world!

A special thanks to the Quintana Tournament foundation for the images provided. To find out more about this event, please visit: http://www.quintanadiascoli.it

 

A nice story of an English family expat…in the Marche (Italy)!

Empire Stae Building in Italian colors

Empire Stae Building of NYC in Italian colors

I’m an Italian girl from the Marche, living now in New York. As an expat I often get homesick. I’m not only missing people I love, but also the places were I used to live for so many years. I love my new life, but in my mind I relive the wonders of my land.

Martin, David and their son George

Martin, David and their son George

dsc_0664

The Roccolo Cottage

Meeting Martine and David Albon, owners of the Roccolo Holiday Cottage in Ascoli Piceno (Italy), was like sharing the same experience with friends. I was very curious to know how and why a family that comes from a prosperous country like the UK, has decided to leave everything and to try to live abroad.

I’ll tell you their experience…

1) Where are you both originally from and when/where did you move to Le Marche? Did you move with family?

  • We are Martine, David and George Albon. We moved to Le Marche from the United Kingdom in 2012. We are all English but David grew up in Kenya. George was seven when we moved here.

 2) What inspired you to move to Italy and particularly…why Le Marche region to set up your own B&B?

  • Martine has family and friend links to the area and on previous holidays David fell in love with the landscape here too. We always knew we wanted to move away from the UK and in 2012 an opportunity presented itself, so we took it. Ascoli Piceno is perfect for us as it is close to the mountains and the sea and has pretty good schooling for George! Our ideal holidays were always where we could be active in the mountains and relax by the sea so we felt that offering holiday accommodation which gave the best of both worlds was ideal. There are very few places which give this flexibility.
    Sea and...

    Sea and…

    ...mountains!

    …mountains!

3) How did you find the transition to living in a foreign country?

  • We had been holidaying in Italy for many years before moving here and so were familiar with much of the daily life here. Martine spoke Italian already which helped very much at the beginning. It was much harder for David and George who spoke no Italian then. George speaks very good Italian three years on and is doing well at school. It is still hard for David, mainly because we work at home and so he doesn’t get to practice his language very much! Things do work differently here and it does take some time to work out how to do the simplest things but we settled quite quickly. I think it was easier for us because of George, if you have a small child at school you have to adapt quickly and make friends. I think it must be much harder for those who retire here and have no natural link to the community.

4) How does the Italian culture differ from home? Which aspect of Italian life was most difficult to get used to?

  • Life is more spontaneous here. In UK plans were made weeks in advance and life was much busier. Here people wait to see what the weather will be like and what they feel like before making too many plans. Here a friend may phone to say ” the weather is lovely, lets go for a walk by the sea this afternoon” . In UK they would have been booked up for weeks in advance and would not be able to take advantage of a beautiful afternoon to go for a walk by the sea. We really like this!

5) What are the locals like? Do you mix mainly with other expats?

  • There are not so many expats in the south of Le Marche so we don’t have a wide network of expat friends. We do know a few people further north but it is too far to visit too often! We moved here with our seven year old son and so we have met many local people through school. As in UK, the parents of his friends have also become our friends. As we love the mountains, we also joined the Local section of the Club Alpino Italiano and have made friends there too. The Ascolani are very proud of their town and culture and rightly so. Most people are very happy to share information on the local area and advise us on all sorts of things and we have been made to feel very welcome both by people in the town and by our neighbours here on the mountain, one of whom spends much time teaching us all he knows about the local agriculture. We have learnt all we know about the care and harvesting of our many chestnut trees from him.

6) Is there anything you miss about living in UK?

  • Cheddar cheese!

7) What do you enjoy most about living in le Marche and the Italian lifestyle?

  • The food, the sunshine, the spontaneity of the people.

8) What’s your favorite Italian food (or even better: from Le Marche)?

  • Pizza- we have our own wood burning oven which a friend has taught us to use properly. Pasta- Ascolana is good with tomato, capers, olives,onion, tuna but also truffle and mushroom sauces with the black truffle being grown locally. The best has to be the Olive Ascolana- our local pasta shop (La Madia, Ascoli Piceno) makes the traditional meat version and also a tuna one and a vegetarian one, they are the best in the Marche! The Rosso Piceno wines are pretty amazing too!

    10600556_1454660871467461_733733193342299245_n

    The wood burning oven where the Albons make their own pizzas at the Roccolo Cottage

9) With your B&B you guest people from different areas and countries interested in discovering Le Marche. What are their feelings about our region?

  • So far we have hosted guests from America, UK, Holland, Germany, the Czech Republic and Italy. All have loved it here, both the beauty and variety of landscapes and the peace that is found here at Il Roccolo. Ascoli Piceno is obviously a favourite to visit but many have also visited various vineyards and those with children particularly like the safe, clean sandy beaches.

    View from the Roccolo Holiday Cottage

    Amazing view from the Roccolo Holiday Cottage

10) In our blog we try to incentivate people from all the world to find out more about Le Marche and its local tradition. What do you love the most about Le Marche and what’s the biggest difference if compared to other Italian regions?

  • We like the fact that people here take time for their friends and family and that they are more spontaneous than the British and also the more northern Italians. This is also true in their work lives so that they always take the time to talk to you in restaurants for example and are happy to take time to help people who visit. Summer is much busier than winter with various festivals happening in villages and towns. The Quintana in Ascoli Piceno and Templaria in Castignano being two very good examples. We love all the different types of markets that travel around too.

11) How difficult was getting a work visa/permit?

  • Not really applicable as we are from the EU.

12) Did you experience many difficulties in setting up your business?

  • Not so far

13) How does the Italian work culture differ from your country?

  • Home life is still more important here than work. Italians work really hard and are very conscientious generally but their home lives and family are still really important and so they make sure that they have time for their families as well as work. This is one of the main reasons we decided to move here.

14) How does cost of living compare to home?

  • Just as expensive as UK. Some everyday items are cheaper and eating out is definitely cheaper but electricity and gas are SO expensive that I really cannot say that it is cheaper here. And there are taxes on Everything!

15) What negatives, if any, are there to living in Italy?

  • Electricity and gas prices…we have tried to make our business ecological and have solar electricity and water and heating powered by wood from our land but we still pay more in bills here than we ever did in UK!

16) What are your top tips to any future expats or people considering moving to Italy from abroad?

  • Learn as much of the language as you can before you move, it makes it much easier to make friends and links in the community.

17) In retrospective is there anything you would change?

  • We live at 600m above Ascoli Piceno. The temperature is lovely in the summer when we have guests in our cottage but in the winter it can be quite hard! We may have chosen to live a little lower down if we could have done it again!

18) Why should people visit and discover Le Marche?

  • Variety. There is something for everyone here. Beautiful weather and landscape. Mountains, sea with sandy beaches, good food, olive oil and top level wines, historical hilltop (and valley) towns, artisan produce, many sporting activites, summer festivals. People who are friendly and genuinely happy to welcome you to their home area.

19) You are also writing a blog.  Can you tell us a bit about it and when/why did you start your blog?

  • We started a blog when we first arrived to let our friends and family know how we were getting on. It evolved to tell potential guests about life here in the Marche with the hope of attracting more people to visit. Last year we then decided that the format of facebook was easier to use in terms of showing photos and so we started a facebook page specifically to show potential guests our rental cottage, the grounds it is set in and the area that they might visit from here.

20) Can you please give us the links to visit your website and Facebook page?

VERY SPECIAL THANKS TO MARTINE, DAVID AND GEORGE TO HAVCE SHARE WITH US YOUR WONDERFUL EXPERIENCE!

dscf1360

 

Una bella storia di una famiglia inglese emigrata…nelle Marche!

Empire Stae Building coi colori dell'Italia

Empire Stae Building di NY coi colori dell’Italia!

Sono una marchigiana trapiantata a New York, e mi capita spesso di avere nostalgia di casa. Non solo delle persone che amo, ma anche dei luoghi che mi hanno fatto compagnia per tanti anni. Adoro la mia nuova vita, ma rivivo nella mia mente le meraviglie della mia terra.

Martin, David e il piccolo George

Martin, David e il piccolo George

Incontrare Martine e David Albon, titolari del Roccolo Holiday Cottage di Ascoli Piceno, è stato come condividere con un amico la propria scelta. Ero molto curiosa di sapere come e perché una famiglia che arriva da un paese prospero come il Regno Unito, decide di lasciare tutto e di provare a vivere in un paese straniero.

dsc_0664

Il Roccolo Cottage

Vi racconto la loro esperienza…

1) Qual’è la vostra nazione d’origine e dove/quando vi siete trasferiti nelle Marche? Vi si spostati con la famiglia?

  • Siamo Martine, David e George Albon. Ci siamo trasferiti nelle Marche dal Regno Unito nel 2012. Siamo tutti inglese, ma David è cresciutio in Kenya. George aveva sette anni quando ci siamo trasferiti qui.

2) Cosa vi ha spinto a trasferirvi in Italia e, nello specifico… perchè avete sceleto le Marche per aprire il vostro B&B?

  • Martine aveva alcuni collegamenti in zona grazie alla famiglia e ad amici. Mentre David durante alcune vacanze trascorse qui in precedenza si innamorò completamente del paesaggio. Abbiamo sempre saputo di volerci allontanare dal Regno Unito e nel 2012 si presentò l’occasione giusta, che abbiamo deciso di cogliere. Ascoli Piceno è perfetto per noi perché è vicino ai monti e al mare e offre una buona educazione scolastica per George! Le nostre vacanze ideali sono sempre state dove potevamo essere attivi in montagna e rilassarci in riva al mare. Offrire un alloggio vacanza in un luogo che potesse offrire entrambe le opzioni poteva essere l’ideale. Ci sono pochi posti che danno questa flessibilità.
Mare e...

Mare e…

dsc_0420

…monti!

3) Come è stato il passaggio e l’ambientarsi a vivere in un paese straniero?

  • Siamo stati in vacanza in Italia per molti anni prima di trasferirci e di conseguenza eravamo a conoscenza della vita quotidiana qui. Martine parlava già italiano prima di trasferirci e questo è stato davvero di grande aiuto all’inizio. E ‘stato molto più difficile per David e George che invece non parlava ancora italiano. George ora parla molto bene l’italiano a soli tre anni dal nostro arrivo e anche a scuola va bene. E ‘ancora difficile per David, soprattutto perché lavoriamo a casa e non ha sempre modo di praticare molto il suo italiano! Tutto funziona in modo diverso qui e ci vuole un po ‘di tempo per capire come fare le cose anche le più semplici, ma in generale abbiamo risolto abbastanza rapidamente. Penso che per noi sia stato più facile grazie a George. Se avete un bambino piccolo a scuola bisogna adattarsi rapidamente e fare amicizia. Penso che debba essere molto più difficile per i pensionati che decidono di trasferirsi qui e non hanno molti legame con la comunità.

4) In che modo la cultura italiana differisce dalle vostra? A quale aspetto della vita italiana è stato più difficile abituarsi?

  • La vita è più spontanea qui. Nel Regno Unito bisognava pianificare tutto settimane in anticipo e la vita era molto più fitta d’impegni. Qui la gente aspetta di vedere come sarà il tempo e non c’è bisogno di fare troppi progetti in anticipo. Un amico può telefonare semplicemente per dirti: “Il tempo è bello, andiamo a fare una passeggiata in riva al mare questo pomeriggio?” Nel Regno Unito si sarebbe dovuto programmare settimane prima e non si sarebbe potuto approfittare di un bel pomeriggio per uscire. Ci piace molto questo!

5) Come sono le persone del posto? Vi trovate spesso con altri ‘expats’ (emigrati)?

  • Non ci sono così tanti ‘espatriati’ nel sud delle Marche, quindi non abbiamo una vasta rete di amici ‘expats’. Abbiamo alcune amicizie più a nord ma è troppo lontano per fare loro visita spesso! Ci siamo trasferiti qui con nostro figlio di sette anni e quindi abbiamo incontrato molte persone del luogo attraverso la scuola. Come già nel Regno Unito, i genitori dei suoi amici sono diventati anche i nostri amici. Amando molto la montagna, abbiamo aderito alla sezione locale del Club Alpino Italiano e abbiamo avuto modo di stringere nuove amicizie anche lì. Gli Ascolani sono molto orgogliosi della loro città e cultura, come è giusto che sia. La maggior parte delle persone sono molto felici di condividere informazioni sulla zona e di consigliarci su ogni cosa. Ci hanno sempre fatto sentire benvenuti, sia le persone che vivono in città che i nostri vicini qui sulla montagna, uno dei quali passa molto tempo ad insegnarci l’agricoltura locale. Abbiamo imparato tutto quello che sappiamo circa la cura e la raccolta dei nostri numerosi castagni proprio da lui.

6) C’è qualcosa che vi manca particolarmente del Regno Unito? 

  • Il formaggio cheddar!

7) Cosa ti piace di più delle Marche e dello stile di vita italiano?

  • Il cibo, il sole, la spontaneità della gente.

8) Qual è il tuo cibo italiano preferito (o meglio ancora: ‘marchigiano’)?

  • Pizza- abbiamo il nostro forno a legna, che un amico ci ha insegnato ad utilizzare correttamente. Anche la pasta Ascolana – è buona con pomodoro, capperi, olive, cipolla, tonno ma anche con tartufo o sugo ai funghi con tartufo nero locale. Ma il nostro piatto preferito sono le Olive all’ Ascolana-  quelle che acquistiamo presso il pastificio locale (La Madia ad Ascoli Piceno) e che propone oltre alla versione tradizionale con ripieno di carne, anche una variante al tonno ed una vegetariana. Sono le migliori nelle Marche! Anche il Rosso Piceno tra i vini è assolutamente fantastico!
10600556_1454660871467461_733733193342299245_n

Il forno a legna della famiglia Albon presso il Roccolo Holiday Cottage

9) Con il vostro B&B ospitate persone provenienti da diverse aree e paesi ed interessate a scoprire le Marche. Quali sono le loro impressioni verso la nostra regione?

  • Finora abbiamo avuto ospiti provenienti da America, Gran Bretagna, Olanda, Germania, Repubblica Ceca e Italia. Tutti quanti hanno amato le Marche, sia per la bellezza e la varietà dei suoi paesaggi che per la tranquillità che si trova qui a Il Roccolo. Ascoli Piceno è ovviamente uno dei luoghi assolutamente da vedere, ma molti hanno anche visitato vari vigneti e quelli con i bambini, in particolare, amano le spiagge pulite e sicure.
Vista di cui si può godere dal Cottage Il Roccolo

Vista spettacolare di cui si può godere dal Cottage Il Roccolo

10) Con il nostro blog cerchiamo d’ incentivare le persone provenienti da tutto il mondo a scoprire Le Marche e le tradizioni locali. Che cosa ti piace di più delle Marche e qual è la differenza più grande rispetto ad altre regioni italiane?

  • Ci piace il fatto che la gente qui dedica tempo ad amici e familiari e che sono più spontanei rispetto agli inglesi e anche agli italiani più settentrionali. Questo è vero anche sul lavoro, ad esempio, i ristoratori trovano sempre il tempo per un dialogo e sono felici di aiutare e consigliare le persone in visita. L’estate è molto più ricca d’impegni rispetto all’inverno e ci sono eventi locali un po’ in tutte le cittadine della regione. La Quintana di Ascoli Piceno e la Templaria a Castignano sono due ottimi esempi. Amiamo anche i vari mercatini e fiere che vengono organizzati in queste occasioni.

 11) Quanto è stato difficile ottenere un visto di lavoro/permesso?

  • Non è stato troppo complicato in quanto siamo cittadini europei.

 12) Avete avuto molte difficoltà nell’avviare la vostra attività?

  • Nessuna in particolare, fino ad ora.

13) In che modo la cultura del lavoro italiana differisce da quella del vostro paese?

  • In Italia la vita in famiglia è tuttora più importante rispetto a quella lavorativa. Gli italiani lavorano veramente sodo e sono molto coscienziosi in generale, ma la loro vita domestica e la famiglia restano sempre molto importanti. Di conseguenza si assicurano di avere tempo da dedicare non solo al lavoro ma anche ai propri famigliari. Questo è uno dei motivi principali per cui abbiamo deciso di trasferirci qui.

14) Com’è il costo della vita in Italia se confrontato con quello del vostro paese d’origine?

  • Comparabile con il costo della vita nel Regno Unito. Alcuni prodotti di uso quotidiano sono meno costosi e mangiare fuori è sicuramente più economico, ma l’elettricità e il gas sono davvero molto costosi in Italia. E ci sono tasse su tutto!

15) Quali sono i lati negativi (se ce ne sono) del vivere in Italia?

  • I prezzi dell’energia elettrica e del gas…abbiamo cercato di rendere la nostra attività ecologica attraverso l’elettricità solare ed il riscaldamento alimentato a legna dalla nostra terra, ma nonostante ciò le bollette da pagare continuano ad essere più elevate rispetto a quando vivevamo nel Regno Unito!

16) Quali consigli ti senti di dare ai futuri ‘expats’ e a tutti coloro che stanno considerando l’idea di trasferirsi in Italia dall’estero?

  • Imparare il più possibile la lingua italiana prima di trasferirsi. Questo renderà più facile fare amicizia ed inserirsi nella comunità.

17) Ripensando alla scelta fatta, c’è qualcosa che cambieresti?

  • Viviamo a 600m sopra Ascoli Piceno. La temperatura è incantevole in estate quando abbiamo ospiti nella nostra tenuta, ma in inverno è davvero molto freddo! Se potessimo tornare indietro, probabilmente opteremmo per un po’ più in basso.

18) Perché la gente dovrebbe visitare e scoprire le Marche?

  • Varietà. C’è qualcosa per tutti qui. Bel tempo e bellissimi paesaggi. Montagne, mare con spiagge sabbiose, ottimo cibo, olio d’oliva e vini di alto livello, città storiche sulle colline e nelle vallate, prodotti artigianali, numerose attività sportive, festival estivi. Persone cordiali e sinceramente felice di darvi il benvenuto ‘a casa loro’.

19) Anche voi scrivete su un blog. Potete parlarcene un po’ e dirci quando e perché avete deciso di aprirlo?

  • Abbiamo iniziato a scrivere un blog quando siamo arrivati ​​per far sapere ai nostri amici e parenti come stavamo e come procedeva la nostra esperienza in Italia. Si è poi evoluto per raccontare a potenziali clienti la vita qui nelle Marche, con la speranza di attirare più persone a visitarle. L’anno scorso abbiamo considerato che Facebook poteva essere più semplice da usare per mostrare foto e così abbiamo aperto anche la nostra pagina Facebook appositamente per mostrare la casa a disposizione degli ospiti, oltre che la zona e i paesaggi che si possono visitare qui .

20) Potete lasciarci i links di riferimento per visitare il vostro sito e la pagina Facebook?  

UN GRAZIE DI CUORE A MARTINE, DAVID E GEORGE PER AVER CONDIVISO CON NOI LA VOSTRA BELLISSIMA ESPERIENZA!dscf1360

 

Non c’è fritto che tenga!

zoom_48818529_grecheSe si pensa ad Ascoli Piceno il riferimento all’oliva all’ascolana è spontaneo: un’associazione naturale.

Ascoli Piceno è la capitale dell’oliva.

Il festival “Ascoliva” che si svolge ad Ascoli Piceno per celebrare il famoso contorno fritto, conferma che questo piatto tradizionale della gastronomia di questa città è divenuto di fatto un’eccellenza nazionale!

104_4560La ricetta dell’oliva all’ascolana nasce intorno alla fine dell’800 e prevede l’utilizzo di olive “ascolane tenere”, generalmente conservate in una salamoia.

Ecco la nostra ricetta…

OLIVE ALL'ASCOLANA...

OLIVE ALL’ASCOLANA…

Ingredienti

  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 1 cipolla tritata
  • 1 carota tritata
  • 1 gambo di sedano tritato
  • 1 kg olive verdi in salamoia (varietà Tenera Ascolana)
  • 100 g di macinato di maiale
  • 100 g di macinato di manzo
  • 100 g di macinato di pollo
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • prezzemolo tritato
  • 3 uova (una per l’impasto e 2 per l’impanatura)
  • 2 cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato
  • scorza grattata di mezzo limone
  • noce moscata
  • pangrattato
  • sale
  • farina
  • olio di girasole

Procedura:

Scaldare l’olio di oliva in una padella larga e farla dorare a fuoco medio. Aggiungere la carota ed il sedano tritati e continuare a cuocere per 5 minuti. Aggiungere la carne macinata e fare dorare a fuoco medio. Aggiungere il bicchiere di vino e lasciare evaporare. Abbassare la fiamma e cuocere per 30 miniuti a fuoco basso. Salare.

Una volta che la carne si sarà raffeddata, tritarla il più finemente possibile (usare un robot da cucina). Incorporare l’uovo, il formaggio grattugiato, la noce moscata, 2 cucchiai di pangrattato, la bucci di limone ed il sale .

Amalgamare bene tutti gli ingredienti e raccoglierli in una ciotola.

Preparate le olive: con un coltellino denocciolarle iniziando dalla parte superiore del frutto e ritagliando a spirale la polpa.

olive-ascolane.4DSC_8385Farcire le olive con il composto della ciotola, compattarlo molto bene.

DSC_84071Passare le olive prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e, infine, nel pangrattato.

IMG_2960IMG_2958Friggete in una padella con abbondante olio di girasole a fuoco moderato, dando tempo al composto di cuocere insieme all’oliva.

Quando saranno cotte, sgocciolate le olive, mettendole su una carta assorbente da cucina, e servitele quando sono ancora calde. “Buon Appetito!”

olive-300x261

The greatest deep-fried dish!

zoom_48818529_grecheWhen thinking about the Ascoli Piceno city, it’s almost spontaneous to connect it to the “Olives Ascolane”: it’s definitely a natural connection!

Ascoli Piceno is the capitol city of the olive.

The “Ascoliva” Festival takes place in Ascoli Piceno to celebrate the popular deep-fried dish and confirms this recipe from the local cooking tradition has become a national delight!

104_4560The recipe off the “Olives Ascolane” is dated back to the 1800 and it’s a starter made of fried green olives, stuffed with minced meat and spices.

Here is our favourite recipe…

OLIVES ASCOLANA...

OLIVES ASCOLANA…

Ingredients

  • 2 tbsp olive oil
  • 1 onion, chopped
  • 1 carrot, chopped
  • a small celery stalk, chopped
  • 60 green pickled olives
  • 100 grams ground pork
  • 100 grams ground beef
  • 100 grams ground chicken
  • 1 cup of white wine
  • 3 eggs beaten (one for the stuffing, 2 for the breading)
  • 1 handful of parsley, finely chopped
  • 2 tbsp of grated parimsan cheese
  • 1 rind of half lemon
  • pinch of nutmeg
  • breadcrumbs
  • salt
  • flour
  • vegetable oil for frying

Procedure:

Heat the olive oil in a large pan and fry the onion over medium heat until soft
and translucent. Add the carrot and celery and fry for another 5 minutes. Add the meat and brown thoroughly on all sides. Add salt to taste. Pour the wine in and reduce the heat. Simmer for 30 minutes.

In the mean time, remove the pits from the olives as described above.

olive-ascolane.4DSC_8385Once the meat has cooled off, add it to a food processor and grind to a very fine
paste. In a bowl, combine the breadcrumbs, cheese, egg, parsley, lemon rind, cloves, nutmeg and meat paste to a consistent, smooth stuffing.

Stuff every olive with a tiny ball of meat paste and put it back in its original shape.

Stuffed olive

Stuffed olive

For the breading, dust every olive in flour, then dunk it into the egg mixture and
finish with a layer of breadcrumbs. For a thicker crust, you can repeat this process.IMG_2960IMG_2958

Add 5-7 centimeters of vegetable oil to a small frying pan and heat to 175-180 °C. Deep-fry the olives in small batches until golden brown. Transfer to a bowl lined with paper towels and serve, preferably piping hot. “Enjoy!”olive-300x261