Stef on how living and…”surviving” the Italian Good Life!

I realized that many of my followers are interested in learning about the experience of other expats who decided to move to Italy. Due to popular demand and the possibility to get in touch with other bloggers, I’m glad to interview and share with my readers this kind of experiences.

So, today I would love to introduce Stef, a Dutch expat who moved to Italy in 2008, accompanied by his husband and dog, to start their own Bed&Breakfast: the “Villa I Due Padroni” in the Oltrepo Pavese wine region, just 30 miles south of Milan. In 2014 Stef published his first book (in Dutch) about their life in Italy. The English translation is available from November 2016 as “Living in Italy: the Real Deal – How to survive the Good Life” and has had raving reviews from editorial websites and readers alike.

So let’s get started and hear about Stef’s experience as an expat in Italy…

Where are you originally from and when/where did you move to Italy? Did you move with family?      

  • I am a Dutchman and moved with my husband to Italy in 2008.

    Stef and Nico

 What inspired you to move to Italy and particularly to set up your own B&B?

  • My husband Nico was a few years from retiring and wanted to make a last career change, while I was busy with a masters study that required a stage in a foreign country, for which I chose Italy.

    Stef and Nico’s B&B, the “Villa i Due Padroni”

How did you find the transition to living in a foreign country?

  • It was difficult at first to find a rental appartment in Pavia, where we stayed the first 6 months but getting used to the Italian way of life was rather easy.

How does the Italian culture differ from home? Which aspect of Italian life was most difficult to get used to?

  • The most difficult part is getting used to sloppiness, agreements, time frames etc. You keep expecting people to live up to them but more often than not they don’t.

What are the locals like? Do you mix mainly with other expats?

  • There aren’t many expats in our region, which is the countryside south of Pavia. We do mix up with the locals though who are almost all of them agreeagble pleasant people.

Was it easy meeting people, making friends and integrate into the community?

  • Nico started singing in a choir and made some friends that way. Then we got acquainted with some of our Italian colleagues that wanted to cooperate and with restaurant owners, wine makers etc.

Is there anything you miss about living in Netherlands?

  • The one thing I miss is the possibility to cycle to shops etc. Here the hills are steep and the streets bad, so almost everything needs to be done by car.

What do you enjoy most about living in Italy and the Italian lifestyle?

  • Eating out! The climate, the beautiful landscape. The people as well, it is fun (mostly) to try and understand the cultural differences.

    Stef and his lovely “expat”-dog:-)

What’s your favorite Italian food?

  • What not? I like almost everything. The taste is always much better than in the restaurants in the Netherlands. Very fond of (vegetarian) lasagne, but risotto as well.

With your B&B you guest people from different areas and countries interested in discovering Italy. What are their feelings about our country?

  • Most of them are very surprised to find such a beautiful area close to Milan and can’t understand that nobody has ever heard of it. The like the fact that is non-touristy, quiet.


In our blog we try to incentivize people from all around the world to find out more about Italy and particoularly about Le Marche and their local tradition. Have you ever visited Le Marche and if so what did you love the most about Le Marche? 

  • I visited Le Marche yes. There are quite a few Dutch expats running B&B’s over there. I have discovered the coastal area mainly from Ancona to the south. There are some beautiful villages to visit. I will definitely return to visit the mountains as well!

How difficult was getting a work visa/permit?

  • We did not need permits, as EU-citizens.

Did you experience many difficulties in setting up your business?

  • Not on the administrative side as we are lucky to live in a very small ‘comune’ (aka: municipality). Buying and renovating the house however turned out to be a rollercoaster ride which I decribe in detail in my book!

How does the Italian work culture differ from your country?

  • Difficult to say, our work here is completely different from what we did at home.

    Some friends helping in picking grapes for the harvest

How does cost of living compare to home?

  • The cost of living is not much different, although eating out is much cheaper here.

What negatives, if any, are there to living in Italy?

  • The distance to native friends and family of course, but apart from that I wouldn’t know!

What are your top tips to any future expats or people considering moving to Italy from abroad?

  • Language, language, language! You’ll find everything to go much easier and you’ll have much more fun if you know the language BEFORE you move. 

In retrospective is there anything you would change?

  • I would not go and live in the house that is being renovated again, better to rent a temporary apartment to have some possibility to escape if things get hot.

Why should people visit Italy? 

  • The climate, the culture, the people, the food, the landscape. Visit the countryside, not only the cities! Rent a car and admire the beautiful panorama’s, discover small nontouristy restaurants.

You are also writing your own blog.  Can you tell us a bit about it and when/why did you start your blog?  

  • Since 2008 we kept a blog for family and friends to learn about our adventures. In 2013 I decided that is was worthwhile to turn our stories into a book, which was published in 2014, in Dutch. It met with quite a success and favorable reader reviews and has now become available in English as “Living in Italy: the Real Deal”: 60+ stories about our hilarious and horrendous adventures in Italy. Again the readers’ reviews are (very) positive. It is available as ebook and paperback at Amazon and other retailers.
  • See https://www.amazon.com/dp/B01N7OY6DM
  • A Sneak Preview and pictures, reviews etc is available at http://italiaanse-toestanden.duepadroni.it/index-UK.html
  • Facebook page: https://www.facebook.com/livinginitalytherealdeal/

I also had a lot of fun in reading Stef’s book and stories! I highly recommend his book and be ready to have fun! 

Stef ci racconta come vivere e…”sopravvivere” alla Bella Vita italiana!

Mi sono resa conto che molti dei nostri follower sono interessati a conoscere riguardo all’esperienza di altri expats trasferitisi in Italia.
Grazie alla grande richiesta e alla possibilita’ di entrare in contatto e conoscere altri bloggers, mi entusiasma molto intervistare e condividere con i mie lettori le esperienze di chi ha deciso di trasferirsi in Italia.

In particolare, oggi sono felice di raccontarvi di Stef, un expat olandese trasferitosi in Italia nel 2008, accompagnato dal suo marito e il suo cane, per avviare il loro Bed and Breakfast, la ‘Villa I Due Padroni” nella regione del vino dell’Oltrepo Pavese, a soli 50 km (30 miglia) a sud di Milano.
Nel 2014 Stef ha pubblicato il suo primo libro (in olandese) sulla loro vita in Italia. Dal novembre 2016 e’ disponibile anche la traduzione in inglese, intitolata “Living in Italy: the real deal – How to survive the Good Life” (ovvero: “Vivere in Italia: il vero affare – Come sopravvivere ala Bella Vita”) che ha ricevuto molte recensioni entusiastiche dai lettori. Scopriamo quindi di piu’ riguardo a Stef e alla sua esperienza di expat in Italia…

Qual’è la tua nazione d’origine e dove/quando ti sei trasferito in Italia? Ti sei spostato con la famiglia?

  • Sono Olandese e mi sono trasferito in Italia con mio marito nel 2008.

    Stef e Nico

Che cosa vi ha portato a trasferirvi in Italia e ad avviare un vostro Bed&Breakfast?

  • A mio marito Nico mancavano pochi anni dal ritirarsi in pensione e desiderava un ultimo cambiamento nella sua carriera, mentre ero impegnato in un master che richiedeva uno stage all’estero. Per questo motivo abbiamo optato per l’Italia.

    Il B&B “Villa i Due Padroni” di Stef e Nico

Come è stato il passaggio e l’ambientarsi a vivere in un paese straniero?

  • E ‘stato difficile all’inizio riuscire a trovare un appartamento in affitto a Pavia, dove siamo rimasti per i primi 6 mesi. Tuttavia abituarsi allo stile di vita italiano è stato piuttosto semplice.

In che modo la cultura italiana differisce dalla tua? A quale aspetto della vita italiana è stato più difficile abituarsi?

  • La parte più difficile e’ abituarsi alla negligenza negli accordi e alle tempistiche, ecc Ti aspetti sempre che le persone siano all’altezza, ma il più delle volte non lo sono.

Come sono le persone del posto? Vi trovate spesso con altri ‘expats’ (emigrati)?

  • Non ci sono molti emigrati nella nostra regione, che si trova nella campagna a sud di Pavia. Tuttavia, frequintiamo la gente del posto. Persone quasi tutte molto piacevoli.

E’ stato semplice incontrare nuove persone, trovare amici e integrarsi con la comunità’?

  • Nico ha iniziato a cantare in un coro e fattola conoscenza con alcuni amici in questo modo. Poi abbiamo abbiamo conosciuto alcuni dei nostri colleghi italiani che volevano collaborare con noi e con i ristoratori, produttori di vino, ecc

C’e’ qualcosa che ti manca del vivere in Olanda?

  • L’unica cosa che mi manca è la possibilità di poter raggiungere i negozi in bicicletta. Qui le colline sono ripide e le strade non ottime, quindi bisogna guidare l’auto per poter fare ogni commissione.

Cosa ti piace di più del vivere in Italia e dello stile di vita italiano in genere?

  • Mangiare fuori! Il clima, la bellezza del paesaggio. Anche la gente, è divertente (per lo più) cercare di capire le differenze culturali.

    Stef e un fedele ‘ospite’  a 4 zampe

Qual’e’ il tuo cibo italiano preferito?

  • Quale non lo e’? Mi piace quasi tutto. Il gusto di qualsiasi cibo è sempre molto meglio rispetto ai ristoranti in Olanda. Adoro le lasagne (vegetariane) e anche il risotto.

Con il vostro B & B ospitate persone provenienti da diverse zone e paesi interessati a scoprire l’Italia. Quali sono le sensazioni riguardo il nostro paese?

  • La maggior parte dei nostri ospiti rimane molto sorpresa nello scoprire una zona così bella e vicina a Milano. Infatti non si spiegano come mai non ne hanno mai sentito parlare prima. Piace molto il fatto che non si tratti di una zona turistica, ma di un luogo tranquillo.

Con il nostro blog cerchiamo d’incentivare le persone provenienti da tutto il mondo a scoprire Le Marche e le tradizioni locali. Ti e’ mai capitato di visitare le Marche e che cosa che ti e’ piaciuto di piu’ di questa Regione?

  • Si, ho visitato Le Marche. Ci sono alcuni espatriati olandesi che gestiscono il loro B & B nelle Marche. Ho scoperto la zona costiera principalmente da Ancona verso sud. Ci sono alcune localita’ molto belle da visitare. Vorrei tornare a visitarne sicuramente anche le montagne.

Quanto è stato difficile ottenere un visto di lavoro/permesso?

  • In quanto cittadini Europei, non abbiamo avuto bisogno di un permesso di soggiorno.

Avete avuto delle difficolta’ nell’avviare la vostra attività’?

  • Non abbiamo avuto problemi sul lato amministrativo, infatti abbiamo la fortuna di vivere in un piccolo Comune. Tuttavia acquistare e ristrutturare casa si è rivelato un’operazione piena di sali e scendi come spiego dettagliatamente nel mio libro!

In che modo la cultura del lavoro italiana differisce da quella del vostro paese?

  • E’ difficile da dire, in quanto il nostro lavoro qui e’ molto diverso da quello che facevamo prima di trasferirci in Italia.

    Alcuni amici aiutano in occasione della raccolta dell’uva per la vendemmia

Com’è il costo della vita in Italia se confrontato con quello del vostro paese d’origine?

  • Il costo della vita e’ pressoché’ simile, anche se mangiare fuori e’ molto meno costoso qui.

Quali sono i lati negativi (se ce ne sono) del vivere in Italia?

  • La distanza dagli amici in Olanda e naturalmente anche la famiglia. Ma a parte questo non saprei!

Quali consigli ti senti di dare ai futuri ‘expats’ e a tutti coloro che stanno considerando l’idea di trasferirsi in Italia dall’estero?

  • La lingua, la lingua, la lingua! Tutto sarà’ molto più facile e divertente se si conoscera’ la lingua prima di spostarsi.

Ripensando alla scelta fatta, c’è qualcosa che cambieresti?

  • Non ripeterei l’esperienza di trasferirmi a vivere in una casa ancora in fase di ristrutturazione. Meglio rimanere in affitto temporaneamente ed avere la possibilita’ di ‘fuggire’ se le cose si complicano.

Perché la gente dovrebbe visitare e scoprire l’Italia?

  • Il clima, la cultura, la gente, il cibo, il paesaggio. Visitare la campagna, non solo le città! Noleggiare un auto e ammirare il bellissimo panorama. Scoprire piccoli ristorantini non turistici.

    Il bellissimo panorama ricco di vigneti sulle colline

Anche tu scrivi su un blog. Ti va’ di parlarcene un po’ e dirci quando e perché hai deciso di aprirlo?

  • Ho iniziato a scrivere su un blog dal 2008 per raccontare a famiglia ed amici le nostre avventure.
    Nel 2013 ho pensato che valesse la pena di trasformare le nostre storie in un libro, che è stato pubblicato nel 2014, in olandese.
    Il libro ha avuto un discreto successo e recensioni favorevoli da parte dei lettori. Ora è disponibile anche in inglese con il titolo: “Living in Italy: the Real Deal”: 60 + storie delle nostre avventure esilaranti e ‘spaventose’ in Italia.
    Anche in questo caso le recensioni dei lettori sono state (molto) positive. Il libro e’ disponibile come ebook e in brossura su Amazon e altri rivenditori.
  • See https://www.amazon.com/dp/B01N7OY6DM
  • A Sneak Preview and pictures, reviews etc is available at http://italiaanseoestanden.duepadroni.it/index-UK.html
  • Facebook page: https://www.facebook.com/livinginitalytherealdeal/

    La copertina del libro “Living in Italy: The real deal” scritto da Stef e disponibile sia in versione Ebook che brossura

    Anche io mi sono divertita molto nella lettura del libro di Stef! Per questo ve lo consiglio e…Buon Divertimento! Fateci sapere!

     

A nice story of an English family expat…in the Marche (Italy)!

Today I’d like to share this interesting interview of an expat English family to Le Marche in Italy. Keep reading and you’ll find out more about their move to Le Marche region in 2012!
“Discover!”

Discovermarche

Empire Stae Building in Italian colors Empire Stae Building of NYC in Italian colors

I’m an Italian girl from the Marche, living now in New York. As an expat I often get homesick. I’m not only missing people I love, but also the places were I used to live for so many years. I love my new life, but in my mind I relive the wonders of my land.

Martin, David and their son George Martin, David and their son George

dsc_0664 The Roccolo Cottage

Meeting Martine and David Albon, owners of the Roccolo Holiday Cottage in Ascoli Piceno (Italy), was like sharing the same experience with friends. I was very curious to know how and why a family that comes from a prosperous country like the UK, has decided to leave everything and to try to live abroad.

I’ll tell you their experience…

1) Where are you both originally from and when/where did you move to Le Marche? Did you move…

View original post 1,543 more words