Officina del Sole…I wish I could invite Monet for breakfast in Montegiorgio

Officina del Sole…I wish I could invite Monet for breakfast in Montegiorgio

It happens very often that when you think about travelling you actually refer to far away destinations and, particularly, places that are unusual. So, you end up missing places that are closer by, but still worth a visit that you may keep skipping just because of the fact they are easier to reach, hence you think you can always see them in the future. However, the reality is that most of time that ‘future’ never comes. Do you believe me if I tell you that I’ve never been to Sicily? Or to Matera? Myself, who now lives in the Big Apple! I know it might sound unbelievable! But that is actually true…unfortunately.
So, even in my homeland, Le Marche, there are places of beauty beyond words, which I didn’t know know about. Little-known wonders that tourists appreciate and really look forward to visiting.
It happened to me recently, when I returned to Montegiorgio, a small town I had already talked about a while ago because of its invaluable importance for international studies on the Mediterranean diet. A town where quality of life is very good.
What I didn’t do before, was telling you about the hills and the countryside surrounding Montegiorgio, simply because…I never visited it, even when I was living just half-an-hour- drive away.

During my last stay in Italy, I was invited to spend a day at the Officina del Sole (http://www.officinadelsole.it), a facility located on the hill of Monte Milone.
Surrounded by a set of colors that vary depending on the season and whose beauty reminds me of Impressionist paintings, the manor house is set among rows of vines, fruit trees and olive groves, which gives you the feeling of an unexpected concept of art. Screen Shot 2018-03-05 at 22.52.43.png
42-hectares (103 acres) of pure beauty in an oasis that will completely blow you away. I felt like suddenly it was just me and that breath-taking panorama: brushstrokes of warm colors melted to create hypnotic and relaxing combinations.
Monet, would have been surely fascinated by the beauty that this place offers.Officina del Sole 2
Walking through the paths that connect the 25 suites you start feeling like you become part of the landscape. It’s something like the overflowing feeling that you have when staring of front of an art masterpiece. As if a connection was created with what one you are cherishing.Officina del SoleHere the ingredients are grown directly from their garden and only seasonal products of the land are used in the kitchen. These are ingredients of the farming tradition skilfully combined and adapted to modernity to recall the tastes of old times.Ristorante 2 - Officina del Sole

The splendor of the panorama influences the presentation of the dishes whose view reminds of true works of art! It was impossible for me to resist even to deserts, that I literally was craving for just by looking at them and before delighting my taste.

10513066-c351-4f10-8c56-c3e049f21371.pngRistorante - Officina del SoleI want to thank Beatrice Bellegia not only for the invitation to Officina del Sole but, most of all, for the dedication to her work no matter what the challenges are and for her ability to always “Dream Big”. An example to follow!

For more information please visit the official Officina del Sole website at: http://www.officinadelsole.it/Casa padronale - Officina del SoleRistorante 4 - Officina del Sole.jpg

Advertisements

Officina del Sole…se solo potessi invitare Monet a colazione a Montegiorgio

Accade che quando si parla di viaggi si pensa che debbano necessariamente essere orientati verso posti distanti e soprattutto verso luoghi lontani dalla routine. E capita di perdere l’occasione di assaporare le meraviglie che ci circondano da vicino pensando che, proprio perché sono a portata di mano, possono essere visitate in momenti futuri. Ma quel futuro spesso non arriva mai. Ci credete se vi dico che non sono mai stata in Sicilia? O a Matera? Io che ora vivo nella grande mela!

Ma anche nella mia terra di origine, Le Marche, ci sono luoghi di una bellezza indescrivibile di cui non conoscevo minimamente l’esistenza. Meraviglie poco note che i turisti invece vogliono conoscere.

Sono tornata a Montegiorgio, piccolo paese di cui vi avevo già parlato per la sua inestimabile importanza per gli studi internazionali sulla dieta mediterranea, un paese dove dunque la qualità della vita è elevatissima. Quello che non ho fatto in precedenza è stato parlarvi delle colline e delle campagne che circondano questa cittadina perché non le avevo mai visitate neppure io che vivevo a circa mezz’ora di strada.

Durante il mio ultimo soggiorno in Italia, sono stata invitata a trascorrere una giornata presso l’Officina del Sole (http://www.officinadelsole.it/it/) , struttura posizionata sulla collina del Monte Milone. Circondata da un insieme di tinte che variano a seconda della stagione e il cui splendore rimanda ai dipinti impressionisti, la casa padronale è incastonata tra filari di vite, alberi da frutto e uliveti e crea un concetto di arte inaspettato. Screen Shot 2018-03-05 at 22.52.43La vista di questa oasi di 42 ettari irrompe con tale forza che ammalia. E’ stato come se all’improvviso esistesse soltanto quel panorama: pennellate di colori caldi che si incontrano e creano combinazioni ipnotiche e rilassanti.

Monet, sarebbe stato sicuramente affascinato dalla bellezza che offre questo posto.Officina del Sole 2

Passeggiando fra i vialetti che collegano le 25 suites si percepisce la sensazione di far parte della magnificenza del paesaggio. Avete presente la sensazione traboccante che si avverte quando ci si trova di fronte ad una grande opera d’arte? E’ come se si creasse una connessione con ciò che si sta ammirando.Officina del Sole

In cucina sono utilizzati rigorosamente prodotti di stagione coltivati direttamente nell’orto e rielaborati interpretando sapientemente i sapori della cucina di una volta in maniera raffinata ed legante.Ristorante 2 - Officina del Sole

Lo splendore del panorama influenza la presentazione dei piatti la cui vista rimanda a vere opere d’arte!Ristorante - Officina del Sole

Confesso che non ho saputo resistere nemmeno ai dolci che ancor prima di aver deliziato il mio palato, avevano conquistato i miei occhi.10513066-c351-4f10-8c56-c3e049f21371.png

Ringrazio Beatrice Bellegia non solo per l’invito a Officina del Sole ma, e soprattutto, per la dedizione con la quale affronta le sfide del suo lavoro e per la sua capacità di “Sognare cose Grandi”. Un esempio da seguire!!

Per maggiori informazioni: http://www.officinadelsole.it/it/Casa padronale - Officina del SoleRistorante 4 - Officina del Sole

Montegiorgio: the leading city of the Mediterranean Diet

Panoramic view on Montegiorgio

Panoramic view on Montegiorgio

Today our curiosity led us to the town of Montegiorgio. After discovering how important is this village, we wanted to breathe the healthy air of the Middle Valley of Tenna.

Picturesque glimpse of the old town

Picturesque glimpse of the old town

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

One of the numerous old alleys in Montegiorgio

The old town is surrounded by walls and can be reached along numerous medieval streets telling about the history of the village. The alleys are often very narrow and anything surrounding us provide evidence of the ancient times of this fascinating place.

Piazza Matteotti and its beautiful loggia

Piazza Matteotti and its beautiful loggia

In Piazza Matteotti we immediatly notice that the columns of the loggia portray the renowned citizens of Montegiorgio.

Inner view of the Theatre Alaleona

Inner view of the Theatre Alaleona

The offices of the municipality are currently located in a valuable building that also stores a precious historical archive and the Theatre “Alaleona”, named after the great musician Domenico Alaleona. Designed by architect Giuseppe Sabbaticals and built between1870 and 1884, it is still considered as a small jewel of neoclassicism.

Remaining marble portal of the Church of San Salvatore

Remaining marble portal of the Church of San Salvatore

There are only few remains of the church of San Salvatore: a marble portal from the Fourteenth century and the sacristy with frescoes dated 1380. The church was once annexed to the cloister and could be reached from the square with an imposing staircase standing in place of the loggia.

Panoramic view of Montegiorgio

Panoramic view of Montegiorgio

We are sure there are no words, no matter how well they’re written, that will be able to describe the breathtaking view you have when arriving to the Hill of “Pincio”, the extreme point of Montegiorgio. The panorama is simply stunning: you will see the Adriatic Sea at short distance, but also the Sibillini, the Monte Conero and even the Gran Sasso Mountains.

Inner view of the Church of San Francesco

Inner view of the Church of San Francesco

Chiesa_di_San_Francesco_MontegiorgioHere stands the Church of San Francesco (once named Santa Maria Grande in Georgio), dated around the thirteenth century from the Gothic-Romanesque time, and its annexed monastery which belonged to the monks of Farfa.

The Farfense Chapel

The Farfense Chapel

Close to the church is the “Farfense” Chapel: still keeping the tombs of the Patti’s, Calisti’s, Zenobi’s and Alaleona’s.

We decided to stay here longer and contemplate in silence this sight to behold!

A special thanks to the Municipality of Montegiorgio http://www.comune.montegiorgio.fm.it and the IAT of Fermo for the helpfull infos kindly provided.

Montegiorgio città protagonista della Dieta Mediterranea

montegiorgio06

Vista panoramica di Montegiorgio

La nostra curiosità oggi ci ha portato a Montegiorgio: dopo aver appreso di quanta importanza gode questo paese, abbiamo deciso di respirare l’aria salutare della Media Valle del Tenna.

montegiorgio14

Un suggestivo scorcio tra le vie storiche di Montegiorgio

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Uno dei tanti vicoletti del centro

Il centro storico è attorniato da una cinta muraria ed è raggiungibile percorrendo numerose strade medievali che raccontano la storia di questo paese. I vicoli spesso sono poco più che a misura d’uomo e tutto ciò che ci circonda reca testimonianza dell’antichità di questo luogo affascinante.

montegiorgio15

Piazza Matteotti e il suo portico loggiato

Giunti in Piazza Matteotti non possiamo fare a meno di notare che le colonne del loggiato riproducono le effigi degli uomini illustri montegiorgesi. Di particolare pregio sono l’attuale sede del Comune, che conserva un pregevole archivio storico ed il Teatro Comunale dedicato all’insigne musicista Domenico Alaleona e costruito tra il 1870 e il 1884.

Vista interna del Teatro Comunale Alaleona

Vista interna del Teatro Comunale Alaleona

Fu progettato dall’architetto Giuseppe Sabbatici ed e’ considerato un piccolo gioiello dell’arte neoclassica.

montegiorgio16

Portale d’ingresso della scomparsa Chiesa di San Salvatore

Un portale marmoreo ed istoriato del Trecento e la Sagrestia con affreschi datati 1380 è ciò che resta della chiesa di San Salvatore un tempo annessa al convento e alla quale si accedeva dalla piazza con un’imponente rampa di scale che sorgeva in luogo del loggiato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Vista panoramica su Montegiorgio

Siamo certi che nessuna parola, per quanto ben scritta, potrà rendere giustizia a ciò che si presenta alla vista quando si arriva al Colle del “Pincio”, il punto estremo di Montegiorgio che offre un panorama tale da restar di stucco: non solo è bene visibile il Mare Adriatico, ma anche i Sibillini, il Monte Conero e perfino il Gran Sasso.

Vista interna della Chiesa di San Francesco

Vista interna della Chiesa di San Francesco

Chiesa_di_San_Francesco_Montegiorgio

Bellissimo portale in travertino della facciata della Chiesa di San Francesco, opera del maestro Gallo, del 1325

Sulla sommita’ del colle si erge la Chiesa di San Francesco (un tempo Santa Maria Grande in Georgio), di stile gotico-romanica, databile intorno al XIII secolo, che con l’annesso monastero, apparteneva ai monaci farfensi.

Cappella farfense

Cappella Farfense

Annessa alla chiesa è conservata la Cappella Farfense: nella cappella sono ancora presenti i sepolcri delle famiglie Patti, Calisti, Zenobi, Alaleona.

Abbiamo deciso di trattenerci un istante in più per contemplare in silenzio questa meraviglia per gli occhi!

Un ringraziamento speciale al Comune di Montegiorgio www.comune.montegiorgio.fm.it e allo IAT di Fermo per il materiale gentilmente fornito.

Dieta Mediterranea: patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO

food-pyramidTratto dall’articolo del celebre giornalista Adolfo Leoni:

Ancel Keys e Flaminio Fidanza. Il primo: statunitense e fisiologo; il secondo: italiano di Magliano di Tenna, scienziato dell’alimentazione, docente universitario. A loro si deve la Dieta Mediterranea.

Keys, in Italia sul finire della Seconda Guerra Mondiale, incontrò Fidanza. Avviarono a Napoli un’indagine che dimostrava come la «colesterolemia – si legge nel libro “La Dieta Mediterranea. Il Tempio della Sibilla” del Dr. Lando Siliquiniera influenzata dall’assunzione alimentare di acidi grassi saturi».Immagine3

Necessari, a questo punto, nuovi studi su persone «con differenti abitudini alimentari e diversa prevalenza di malattie cardiovascolari». Fidanza e Adolfo Del Vecchio ne avviarono uno a Nicotera, in Calabria, insieme a scienziati italiani e stranieri.

Nel 1958, sempre Fidanza, coinvolgendo il Centro per le Malattie Cardiovascolari di Ancona, ne pianificò un altro, scegliendo gli abitanti di Montegiorgio, nelle Marche. Scelta non casuale. Lo scienziato veniva da un comune limitrofo, conosceva lo stile di vita e l’eco-sistema della “Terra di Marca” e considerava Montegiorgio il centro giusto anche come equidistanza dal mare e dai monti Sibillini. Gli abitanti parteciparono in massa.

Montegiorgio tra il mare e i Sibillini

Montegiorgio tra il mare e i Sibillini

Un anno dopo Keys lanciò in tre Continenti lo Studio delle Sette Nazioni (Seven Country Study): Finlandia, Giappone, Grecia, Italia, Jugoslavia, Olanda, Stati Uniti. 12 mila le persone controllate periodicamente. In Italia, vennero scelte Crevalcore (Emila-Romagna), Montegiorgio, Nicotera, che venne poi cancellata. Lo studio durò circa 32 anni (nuovi controlli nel 1965, 1970, 1980, 1985, 1991). imagesLo studio attestò la «superiorità» di Montegiorgio per stile alimentare e di vita ai fini della salute e della longevità. Meno infarti, meno problemi cardiocircolatori. Furono 726 i montegiorgesi sottoposti al monitoraggio, la loro età variava dai 40 ai 59 anni. Moderazione, cucina frugale (frutti della terra), stagionalità, convivialità, festa, tradizione, valore della donna (“vergare e sibille”) fecero la differenza. Montegiorgio oggi vanta il “Laboratorio Piceno della Dieta Mediterranea”.

10676364_818577311521584_4343904946722013156_n

Logo del “Laboratorio della Dieta Mediterranea”

Discovermarche è davvero onorata di poter inserire l’articolo (pubblicato da numerose e importanti testate giornalistiche) scritto da Adolfo Leoni. Quest’ultimo e’ un famoso giornalista e scrittore marchigiano che dedica la sua preziosa attività ad esaltare e divulgare l’importanza, la bellezza e la tradizione di questa unica Regione.

Siamo immensamente grati a persone come lui, e come il Dottor Siliquini, che antepongono gli interessi del territorio a quelli personali.

GRAZIE!!!