Officina del Sole…se solo potessi invitare Monet a colazione a Montegiorgio

Accade che quando si parla di viaggi si pensa che debbano necessariamente essere orientati verso posti distanti e soprattutto verso luoghi lontani dalla routine. E capita di perdere l’occasione di assaporare le meraviglie che ci circondano da vicino pensando che, proprio perché sono a portata di mano, possono essere visitate in momenti futuri. Ma quel futuro spesso non arriva mai. Ci credete se vi dico che non sono mai stata in Sicilia? O a Matera? Io che ora vivo nella grande mela!

Ma anche nella mia terra di origine, Le Marche, ci sono luoghi di una bellezza indescrivibile di cui non conoscevo minimamente l’esistenza. Meraviglie poco note che i turisti invece vogliono conoscere.

Sono tornata a Montegiorgio, piccolo paese di cui vi avevo già parlato per la sua inestimabile importanza per gli studi internazionali sulla dieta mediterranea, un paese dove dunque la qualità della vita è elevatissima. Quello che non ho fatto in precedenza è stato parlarvi delle colline e delle campagne che circondano questa cittadina perché non le avevo mai visitate neppure io che vivevo a circa mezz’ora di strada.

Durante il mio ultimo soggiorno in Italia, sono stata invitata a trascorrere una giornata presso l’Officina del Sole (http://www.officinadelsole.it/it/) , struttura posizionata sulla collina del Monte Milone. Circondata da un insieme di tinte che variano a seconda della stagione e il cui splendore rimanda ai dipinti impressionisti, la casa padronale è incastonata tra filari di vite, alberi da frutto e uliveti e crea un concetto di arte inaspettato. Screen Shot 2018-03-05 at 22.52.43La vista di questa oasi di 42 ettari irrompe con tale forza che ammalia. E’ stato come se all’improvviso esistesse soltanto quel panorama: pennellate di colori caldi che si incontrano e creano combinazioni ipnotiche e rilassanti.

Monet, sarebbe stato sicuramente affascinato dalla bellezza che offre questo posto.Officina del Sole 2

Passeggiando fra i vialetti che collegano le 25 suites si percepisce la sensazione di far parte della magnificenza del paesaggio. Avete presente la sensazione traboccante che si avverte quando ci si trova di fronte ad una grande opera d’arte? E’ come se si creasse una connessione con ciò che si sta ammirando.Officina del Sole

In cucina sono utilizzati rigorosamente prodotti di stagione coltivati direttamente nell’orto e rielaborati interpretando sapientemente i sapori della cucina di una volta in maniera raffinata ed legante.Ristorante 2 - Officina del Sole

Lo splendore del panorama influenza la presentazione dei piatti la cui vista rimanda a vere opere d’arte!Ristorante - Officina del Sole

Confesso che non ho saputo resistere nemmeno ai dolci che ancor prima di aver deliziato il mio palato, avevano conquistato i miei occhi.10513066-c351-4f10-8c56-c3e049f21371.png

Ringrazio Beatrice Bellegia non solo per l’invito a Officina del Sole ma, e soprattutto, per la dedizione con la quale affronta le sfide del suo lavoro e per la sua capacità di “Sognare cose Grandi”. Un esempio da seguire!!

Per maggiori informazioni: http://www.officinadelsole.it/it/Casa padronale - Officina del SoleRistorante 4 - Officina del Sole

Advertisements

Ottava Edizione dei Presepi Artistici a Monte San Giusto

Cari Amici,
ricordatevi di segnare il calendario nella data del 15 Dicembre e preparatevi a fare il conto alla rovescia!
Anche quest’anno verra’ inaugurata a Monte San Giusto (MC) alle ore 22.30 di Venerdi 15/12 l’Ottava mostra di Presepi Artistici della collezione di Andrea Pistolesi.
Per rendere l’atmosfera ancora piu’ magica l’apertura sarà’ preceduta dal consueto concerto inaugurale con la presenza dei cori “Pueri Cantores, Santa Cecilia ed il coro degli alunni delle classi quarte e quinte del coro Happy Voices“
Questo Natala la mostra sarà allestita nel grottino vicino al polo museale Bonafede, al momento chiuso per dei restauri di tele del ‘700. Le novità per quest’Ottava Edizione saranno ben cinque!
Un nuovo Presepe meccanico con i lavori e case della nostra tradizione marchigiana, oltre ad una natività collocata in una casa di inizio ‘900 con le sculture del Maestro Salvatore Caputo.
Infine, una vera e propria chicca ☺️  con l’ultima cena del Presepista Materano Emilio Lattarulo.

Andrea Pistolesi e i suoi collaboratori: Cesare Ciccale’, Gilberto Pistolesi e Stefano Renzi, sveleranno i segreti del Presepe.

Il Maestro Presepista Andrea Pistolesi

Un percorso tra storia e manualità, per conoscere un’arte che rappresenta il simbolo del Santo Natale nelle nostre case.
 
Orario: *festivi: 10/13 – 16/20 *prefestivi 16/20
Altri giorni: su prenotazione
E dal 23 dicembre fino al 1 gennaio aperta tutti i giorni!
Buon Natale a tutti!
Se siete interessati a saperne di piu’ sui Presepi Artistici di Andrea Pistolesi, non perdetevi questo post pubblicato da Discovermarche un paio di anni fa’….e la tradizione continua!

Casa Agostinelli: un luogo dove gusto e tradizione delle Marche accolgono i propri ospiti come in una vera “Farmily”!

Com’ è strana la vita. Sto per raccontarvi di un luogo sorprendente che io, marchigiana autentica, ho potuto scoprire grazie ai nostri amici del Texas, Terry e Neil.

I coniugi Duarte sono appena rientrati da una vacanza italo/marchigana e Terry, sapendo che presto anche io sarei rientrata in Italia, mi ha consigliato una esperienza a Montemarciano.

Ecco cosa mi ha scritto:

“Conosco il fascino delle colline delle zone di Montemarciano, un territorio che offre il panorama meraviglioso del mare Adriatico ma anche la straordinaria visuale degli Appennini e di Monte San Vito”

E così ho fatto visita alla famiglia Agostinelli!

Non so dirvi cosa mi abbia maggiormente colpito di questo pomeriggio passato con questa deliziosa famiglia. Probabilmente il sapore delle tagliatelle fatte in casa, le stesse che faceva mia nonna la domenica, quando la mia famiglia si ritrovava con tutti i parenti e, a tavola, quando si passava la giornata, chiacchierando e raccontando come stava andando la vita. O forse la straordinaria ospitalità con la quale Dilva e Giancarlo accolgono i loro ospiti. Oppure, la straordinaria sensazione di passare qualche ora come se tutto fosse come una volta.

Dilva mentre prepara le tagliatelle fatte in casa e in compagnia di Terry

Giancarlo e la raccolta dell’aglio

Ecco, si, oltre alla quiete e alla bellezza degli scenari che circondano Casa Agostinelli, oltre al cibo dal sapore autentico, è l’atmosfera che mi ha maggiormente colpita: mi è sembrato di passare un pomeriggio “nel passato”, quando stare insieme e condividere pensieri e opinioni era ancora importante, quando ancora aveva un gran valore il tempo speso con persone genuine e autentiche.

Oggi il mio grazie va alla famiglia Duarte per l’ottimo suggerimento e alla famiglia Agostinelli per avermi ricordato che certi valori esistono ancora.

Se anche a voi manca la semplicità della vita di un tempo, contattate Farmily. Trovete maggiori informazioni sulla pagina facebook https://www.facebook.com/casa.agostinelli/

Risorgimarche: musica e solidarieta’ nei luoghi del sisma

“Serie di movimenti di una parte della superficie terrestre, originati da fenomeni tettonici o vulcanici; sulla crosta terrestre si manifestano come scosse di varia intensità e durata, determinando un profondo sconvolgimento delle zone interessate

Questa è la definizione della parola “terremoto”.

Questo è ciò che è accaduto alla mia terra.

Ci sono paesi che, una volta rientrata in Italia, non potrò rivedere perché ormai inesistenti.

Ci sono amici che abitano una casa che non è la loro perché costretti ad abbandonare la propria abitazione.

Ci sono bambini che devono imparare troppo presto che le tragedie esistono davvero e non solo in televisione.

Ci sono anziani che non rivedranno i luoghi dove sono nati e vissuti per tutta una vita.

Ci sono sogni infranti.

Ci sono speranze inesistenti.

E poi c’è “Risorgimarche”.

Non è una novità che l’attore Neri Marcorè, di origine marchigiana, viva in maniera forte il legame con la sua terra di origine.

Neri Marcore’
Photo credit: ansa.it

Nei mesi precedenti lo abbiamo visto protagonista di spot pubblicitari a sostegno della nostra Regione (video allegato sotto) e ora, noi di Discovermarche siamo lieti di raccontarvi del suo progetto a sostegno di questa terra martoriata dal sisma.

Risorgimarche è un invito a venire nelle Marche e scoprire, attraverso concerti musicali, territori inediti e poco noti.

Artisti del calibro di Luca Barbarossa, Fiorella Mannoia, Daniele Silvestri, Malika Ayane…e molti molti altri, si esibiranno in location marchigiane diverse per far scoprire agli ospiti i luoghi incantevoli della nostra terra.

Ogni evento avrà inizio in orario pomeridiano, intorno alle 17, l’orario è stato studiato per tutelare l’ambiente, sfruttando la luce naturale e preservando, così, i luoghi che fanno da sfondo ai concerti.

Un’immagine dal primo concerto con ospite Nicole’ Fabi a Spelonga lo scorso 25 Giugno 2017 – Photo credit: Risorgimarche Pagina Facebook

La solidarietà è importante ma lo è ancora di più permettere ad un popolo di poter riprendere in mano la propria vita e di poter proseguire con le proprie forze. Ecco lo scopo di Risorgimarche: far innamorare i turisti di una terra sconosciuta. E’ attraverso la ripresa del flusso turistico che nasce la ripresa.

Photo credit: Risorgimarche Pagina Facebook

Grazie dunque, grazie a tutti gli artisti che gratuitamente interverranno per offrire momenti di svago ma anche per attirare ospiti da fuori regione e far ammirare le bellezze di cui è ricca.

Grazie a tutti coloro che, approfittando di scenari naturali incantevoli e della gratuità degli eventi musicali, vorranno scoprire ciò che di bello la Regione Marche è in grado di offrire ai suoi ospiti.

Grazie agli organizzatori e soprattutto a Neri Marcorè, attore di gran successo che non ha dimenticato le sue origini.

GRAZIE!!!

Per maggiori informazioni : http://risorgimarche.it/

La frittata di carciofi

Con l’arrivo della bella stagione e con le temperature in rialzo, e’ bello portare a tavola piatti appetitosi e allo stesso tempo veloci da preparare.

In “onore” del nostro tanto amato Carciofo di Montelupone, oggi vi propongo una ricetta facile facile ma con un ingrediente speciale:

La frittata di carciofiLa frittata di carciofi è un piatto veloce e ricco di nutrimento. Può essere servita come aperitivo, antipasto o contorno oltre a piatto principale. Siete pronti? Ecco allora la lista degli ingredienti indispensabili:

Ingredienti
Carciofi di Montelupone
prezzemolo
sale
pepe
limone
uova
parmigiano
pecorino

Tempo di preparazione
30 minuti

Difficoltà
Bassa

Per fare una buona frittata pulite i carciofi togliendo le foglie esterne. Riempite una ciotola con dell’acqua e spremeteci dentro il limone, riponeteci i carciofi puliti per qualche minuto poi tagliateli a spicchi molto sottili.

Sbattete le uova, aggiungete il parmigiano e il pecorino grattugiati, salate e pepate. Unite i carciofi e il prezzemolo tritato. Cuocete in un tegame coperto a fiamma bassa per 15 minuti poi rigiratela e proseguite la cottura senza coperchio per altri 10 minuti.

Conservazione
In frigo due giorni

Consigli
Buon appetito!

Ecco un video molto utile su come pulire e conservare correttamente i carciofi:

https://youtu.be/yekmmbRZG6s

Il carciofo di Montelupone: elisir di salute e bellezza

Tutti sappiamo che per una corretta alimentazione occorre mangiare molta verdura.

Durante una delle lunghe conversazioni telefoniche, una mia amica italiana mi raccontava di come utilizza in cucina verdure rigorosamente di stagione.

Non avevo mai pensato ai vegetali come prodotti con forti poteri “ antiossidanti” e come mezzi di prevenzione di malattie. Per me, la verdura ha da sempre rappresentato un contorno gustoso e, soprattutto, con poche calorie il cui senso di sazietà aiuta notevolmente a mantenere la linea.

Ma davvero, non mi ero mai soffermata su altre qualità degli ortaggi.

La mia amica mi raccontava di essersi trovata a parlare con alcuni produttori di ortaggi che le hanno spiegato che, se usassimo con criterio e quotidianamente alcuni prodotti, potremmo evitare molti medicinali.

Voi, sapevate che il carciofo potrebbe essere una nuova arma contro il tumore???

Il giornale web ANSA.it, nella sezione Salute & Benessere, presenta il carciofo come possibile strumento contro il mesotelioma, una grave forma di tumore causato dall’amianto, che ogni anno colpisce circa 2.000 persone.

Inoltre, il carciofo è un ottimo alimento che aiuta l’organismo nelle attività antinfiammatoria, antimicrobica ed antiossidante. Con le sue proprietà nutritive, regola l’appetito e la diuresi, oltre ad essere un ottimo rimedio contro la cellulite per noi donne:-)

Come sapete, sono rientrata in Italia per le festività di Pasqua ma ho deciso di trattenermi per poter essere presente alla sagra del carciofo di Montelupone. Ho voglia di restare non solo per poter visitare e ammirare le meraviglie di questo piccolo borgo medievale in provincia di Macerata ma anche per gustare l’atmosfera di eventi che sono unici e che in nessuna parte del mondo possono essere ricreati.

Montelupone vista aerea
Photo credit: Comune di Montelupone

La Sagra del Carciofo di Montelupone si tiene ogni anno nel mese di Maggio Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Attraversare il paese con i suoi vicoli romantici che conducono alla piazza centrale dove si ammira il Palazzo Podestà, la Torre civica e lo storico teatro Nicola degli Angeli mentre musica e spettacoli intrattengono e divertono creando una sfondo di pura allegria è veramente suggestivo.

La Piazza nel centro storico di Montelupone dove ogni anno viene organizzata la Sagra del carciofo
Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Una grandiosa cornice di arte storia del paese per un evento gastronomico che richiama migliaia di visitatori da tutta la regione, attirati dalla gustosa offerta di prelibatezze gastronomiche e dal folklore di una festa sempre molto apprezzata.

Gli stand propongono una gran varietà di piatti a base di Carciofo di Montelupone che vanno, dagli antipasti, ai primi, ai secondi e persino dolci e gelato.

Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Alcune irresistibile proposte a base di carciofo…
Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Carbonara Vegetariana al Carciofo di Montelupone
Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Ecco una proposta a base di rombo e carciofo, quest’ultimo si sposa molto bene anche col pesce
Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Se come me siete curiosi di assaggiare squisitezze genuine, non vi resta che venire a Montelupone il 6/7maggio.

Le verdissime colline dove si coltivano i carciofi di Montelupone
Photo credit: Il Carciofo di Montelupone

Un ringraziamento speciale va alla rete di produttori del carciofo di Montelupone e al Comune di Montelupone.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito: www.carciofodimontelupone.it  e  www.comune.montelupone.mc.it

Tonnarelli con fave e mollica di pane alle erbe spontanee

Sono rientrata in Italia da qualche giorno e ho organizzato un paio di pranzi, rigorosamente a casa, per poter salutare amici e parenti durante le festività pasquali.
Ho chiesto a Silvia e Donatalella, le titolari della scuola di cucina “Fabrica del Gusto” di Fabriano (http://www.fabricadelgusto.it) di consigliarmi qualche ricetta da provare per soddisfare i miei ospiti. E, non solo mi hanno suggerito piatti davvero sfiziosi da preparare, ma si sono anche offerte di accompagnarmi a fare spesa per scegliere gli ingredienti migliori.
La portata principale che servirò (seguendo le indicazioni delle mie maestre:-), è:

 “Tonnarelli con fave e mollica di pane alle erbe spontanee”

Si tratta di un piatto che esalta la genuinità degli ingredienti quindi, per l’elemento principale, non ho avuto dubbi: “Tonnarelli Antica Pasta” del Pastificio Marcozzi di Campofilone (www.anticapasta.it)Vi svelo questa succulenta ricetta proposta delle due chef più ricercate del mio territorio:

Tonnarelli con fave e mollica di pane alle erbe spontanee
Ingredienti per 4 persone
250 gr di Tonnarelli Antica Pasta
250 gr di fave fresche
3 cucchiai di mollica di pane raffermo grattugiata
Erbe spontanee finocchietto selvatico
Olio extra vergine di oliva
Aglio
Sale e pepe
Peperoncino facoltativo

Sbollentare(sbianchire) le fave in acqua bollente e salata per qualche minuto, scolarle e passarle in un bagno di acqua e ghiaccio per preservarne consistenza e colore, una volta fredde togliere a mano la pellicina esterna.In un mixer frullare la mollica con il finocchietto.

Altro ingrediente fondamentale e profumatissimo: il finocchietto selvatico

In una padella far rosolare l’aglio con l’olio (e a piacere peperoncino), unire le fave e lasciar insaporire per qualche minuto.

In un’altra padella con un filo d’olio tostare la mollica aromatizzata al finocchietto. Cuocere la pasta in acqua bollente salata per 4-5 minuti, condire con le fave, la mollica tostata e servire.

Buon appetito!!!