La Crescia Sfojata…ed e’ subito Natale!

Anche quest’anno il Natale si avvicina e noi di Discovermarche in collaborazione con le nostre amiche Silvia e Donatella di Fabrica del Gusto vi proponiamo un dolce tipico del Natale marchigiano: la “crescia sfojata”

CRESCIA SFOJATA (per 5/6 persone)

per la sfoglia:

  • 150 gr di farina 00
  • 100 gr di acqua calda
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale

per il ripieno:

  • 2 mele Renette (circa 400 gr)
  • 15 noci
  • 60-70 gr di uvetta sultanina
  • 150 ml di succo di mele bio (in alternativa rum/brandy/sherry)
  • due cucchiai di zucchero di canna
  • un cucchiaio abbondante di cannella in polvere
  • scorza grattugiata di un limone biocrescia-sfojata-1Preparate l’impasto per la sfoglia: 


Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora.

Preparate il ripieno:

Riscaldate il succo di mele e versatelo in una ciotola dove avrete messo l’uvetta. Lasciate ammorbidire per una ventina di minuti. Lavate sotto l’acqua corrente le mele, sbucciatele, toglietene il torsolo, tagliatele a fettine sottili. Mettete le fettine di mela in un recipiente, aggiungete lo zucchero di canna, le noci tritate grossolanamente, l’uva scolata e ben strizzata, la cannella e la scorza del limone. Riscaldate il forno a 200° C (modalità statica).

 Stendete la sfoglia:

Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinatela leggermente, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia (dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato). Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.

Disponete sulla sfoglia il ripieno avendo cura di lasciare liberi 2 cm dal bordo.

Aiutandovi con la tovaglia sollevate la sfoglia ed iniziate a rotolarla su se stessa. Fatti un paio di giri, ripiegate verso l’interno anche i due lembi esterni e continuate ad arrotolare fino alla fine. 

Trasferite delicatamente la sfoglia su una teglia ricoperta di carta da forno, spennellatela con burro fuso ed infornate. Cuocete per 30-40 minuti fino a quando la sfoglia risulterà dorata.

Lasciate raffreddare quindi tagliate a fettine.crescia-sfojata-2Buon Appetito e Buon Natale!!!

Olive all’ascolana: le regine del fritto!

 

18.Olive_lowUna croccante sfera dorata, un ripieno succulento…stiamo per parlare di uno dei piatti tipici piu’ amati della cucina marchiginana: le “Olive all’Ascolana”.

Le olive all’ascolana devono il loro nome alla città di Ascoli Piceno. Sono composte da olive verdi in salamoia, farcite all’interno da un composto tenero a base di carne.zoom_48818529_greche

La storia dell’ oliva ascolana è lunga…
Già nell’antichità le olive in salamoia (verdi e nere) rappresentavano un pasto molto nutriente, tanto che i legionari romani se ne nutrivano e portavano sempre nelle loro bisacce un pugno di olive per i momenti più duri.
I ricchi cercavano però qualcosa di meglio e quindi si rivolgevano alle olive picene che Ascoli (capitale del Piceno) esportava a Roma.
La qualità fu apprezzata anche dai monaci Benedettini-Olivetani, mentre il Papa Sisto V che se le faceva mandare in Vaticano. Conosciute ed apprezzate in Italia e all’estero, le Olive all’Ascolana sono un piatto degno di una certa attenzione!

 

Ecco la nostra ricetta…

OLIVE ALL'ASCOLANA...

Olive all’Ascolana…

Ingredienti:

2 cucchiai di olio d’oliva
1 cipolla tritata
1 carota tritata
1 gambo di sedano tritato
1 kg olive verdi in salamoia (varietà Tenera Ascolana)
100 g di macinato di maiale
100 g di macinato di manzo
100 g di macinato di pollo
1 bicchiere di vino bianco
prezzemolo tritato
3 uova (una per l’impasto e 2 per l’impanatura)
2 cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato
scorza grattata di mezzo limone
noce moscata
pangrattato
sale
farina
olio di girasole

Procedura:

Scaldare l’olio di oliva in una padella larga e farla dorare a fuoco medio. Aggiungere la carota ed il sedano tritati e continuare a cuocere per 5 minuti. Aggiungere la carne macinata e fare dorare a fuoco medio. Aggiungere il bicchiere di vino e lasciare evaporare. Abbassare la fiamma e cuocere per 30 miniuti a fuoco basso. Salare.

Una volta che la carne si sarà raffeddata, tritarla il più finemente possibile (usare un robot da cucina). Incorporare l’uovo, il formaggio grattugiato, la noce moscata, 2 cucchiai di pangrattato, la bucci di limone ed il sale .

Amalgamare bene tutti gli ingredienti e raccoglierli in una ciotola.

Preparate le olive: con un coltellino denocciolarle iniziando dalla parte superiore del frutto e ritagliando a spirale la polpa.

olive-ascolane.4

DSC_8385Farcire le olive con il composto della ciotola, compattarlo molto bene.

Ecco come appare l'oliva ripiena!

Ecco come appare l’oliva ripiena!

Passare le olive prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e, infine, nel pangrattato.

IMG_2960

IMG_2958Friggete in una padella con abbondante olio di girasole a fuoco moderato, dando tempo al composto di cuocere insieme all’oliva.

Quando saranno cotte, sgocciolate le olive, mettendole su una carta assorbente da cucina, e servitele quando sono ancora calde. olive-300x261“Buon Appetito!”

 

 

Offida: Carnevale, merletti e…gli imperdibili funghetti!

Carnevale è la festa più allegra dell’anno, celebrata tra maschere, scherzi e soprattutto dolci gustosissimi. Il Carnevale precede infatti il periodo di astinenza della Quaresima.putignano

La parola stessa ‘carnevale’ deriva dal latino carnem levare (“eliminare la carne”), forse influenzata anche dal latino vale (quasi fosse “carne, addio!“), poiché indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di Carnevale (Martedi grasso), prima dell’inizio del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima, in cui era interdetto l’uso della carne.

Frappe, bugie o chiacchiere di Carnevale

Frappe, bugie o chiacchiere di Carnevale

Il periodo di trasgressione si rispecchia nelle tradizioni culinarie delle diverse regioni italiane, dove i dolci fritti diventano padroni dei festeggiamenti, ma con nomi diversi. E’ d’obbligo quindi in questo periodo dell’anno fare “il pieno” di calorie prima dell’arrivo del digiuno!

Frittelle

Un classico…le frittelle!

In Italia, ogni regione vanta le sue ricette gastronomiche tipiche e legate alle tradizioni locali. Nelle Marche sono tanti i dolci tipici preparati per l’occasione, spesso legati a leggende popolari.

Tra questi ci sono anche i funghetti di Offida’: che nulla hanno a che vedere con i funghi del sottobosco, ma la cui forma li ricorda molto! In realtà’, altro non sono che dei semplici biscottini a base di acqua, zucchero, farina e anice.

I funghetti di Offida

I funghetti di Offida

La legenda narra che siano nati durante un assedio del XIV secolo. Le donne di Offida non avevano nulla da cucinare e nemmeno la legna per accendere il fuoco (perché utilizzata per le barricate). Proprio in quell’occasione, si inventarono una ricetta mischiando gli unici ingredienti a disposizione: miele (poi sostituito con lo zucchero), farina e acqua (l’anice fu aggiunto in seguito). Un prodotto semplice e di lunga durata, energetico e gustosissimo: il funghetto offidano!

Provate a prepararli anche voi seguendo questa semplice ricetta…

Ingredienti:

700gr farina, 

600gr zucchero,

semi d’anice,

acqua q.b.

Preparazione:

Impastare la farina, lo zucchero e i semi d’anice con acqua fino ad ottenere un impasto consistente. Quindi formare delle palline da far asciugare naturalmente per due giorni.

Le palline vengono quindi messe a cuocere in forno caldo (180°) in stampi appositi per circa 30 minuti: il calore fa fuoriuscire lo zucchero che salda tra loro le varie palline, assumento un bel colore dorato, mentre la parte rimasta dentro i cerchi conserva il colore bianco.images

Si ottiene così la tipica forma di tanti funghetti bianchi sulla terra scura, piacevolmente croccanti e presto durissimi quando sono freddi, ma che ritrovano la morbidezza appena riscaldati. Ottimi se accompagnati al caffe’ e anisetta o ad un buon bicchiere di Passerina Passito.

La denominazione De.co per la ricetta originale del Funghetto di Offida

La denominazione De.C.O. per la ricetta originale del Funghetto di Offida

I funghetti di Offida non sono soltanto dei dolci golosi, ma sono un altro esempio di come tradizioni e leggende tramandate negli anni riescano a preservare piatti e cibi che, oltre a essere una delizia per il palato, sanno anche raccontare qualcosa di noi, dei nostri avi e della nostra cultura millenaria!

Biscotti di Natale glassati

Manca solo una settimana al Natale e per questo oggi vorrei proporvi una ricetta classica e adatta per le festività’ da preparare in famiglia, magari con l’aiuto dei vostri bimbi!

6788602-fantastic-christmas-cookies-wallpaperI biscotti natalizi sono una delle decorazioni fai da te più golose e belle che ci siano: basta un po’ di pasta frolla, un tocco di glassa e un fiocco per poterle appendere dove volete.

Ecco gli ingredienti necessari per preparare la frolla dei biscotti:

500 gr. di farina 00
125 gr. di burro
8 gr. di lievito chimico
1 pizzico di sale
125 gr. di zucchero semolato
15 gr. di cacao in polvere
250 gr. di miele millefiori
1 uovo
15 gr. di spezie macinate (anice stellato, cannella, macis, cardamomo, zenzero, chiodi di garofano…)

…per la glassa:

1 albume
200 gr. di zucchero a velo

…per le decorazioni:

…date libero sfogo alla vostra fantasia. Meringhe, cioccolato, zucchero a velo, frutta secca, frutta essiccata, bastoncini di cannella, caramelle!

Preparazione:

In una pentola facciamo sciogliere a fuoco dolce il burro, lo zucchero, il miele e le spezie macinate, quando lo zucchero si sarà sciolto completamente aggiungiamo il cacao setacciato e lasciamo raffreddare prima di aggiungere l’uovo mescolando bene.
In una grossa ciotola mettiamo la farina, il lievito e il sale setacciati, a questi aggiungiamo il composto raffreddato preparato in precedenza, impastiamo sino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio, avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare in frigo per 3-4 ore.dbb1c7319438d1f712f1e29a7ae31961 (1)Stendiamo l’impasto allo spessore di circa 8 mm e con l’aiuto delle formine facciamo i nostri biscotti.1aa31eb3da602ec10e412e61ffd0652b (1)
Cuociamo in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti, sforniamo.ac0b612440fee788d2acb6aeef4b4738 (1)
La glassa:

glassa_acqua_450ingr (1)Prepariamo la glassa montando a neve ferma gli albumi; incorporiamo, un cucchiaio raso alla volta, di zucchero a velo aiutandoci sempre con lo sbattitore, fino all’esaurimento dello stesso.
Ora iniziamo a decorare….

Tommy e Aurora: i nostri piccoli e golosi cuochi provetti!:-)

Tommy e Aurora: i nostri piccoli e golosi cuochi provetti!:-)

Con un pizzico di fantasia potrete dar vita a un universo di oggetti e personaggi natalizi che animeranno la vostra casa. Questi biscotti non solo sono buonissimi, ma si potranno anche utilizzare per decorare il vostro albero di Natale. Basterà’ effettuare un forellino all’estremità’ del biscotto e passare un filo colorato e voila’…il biscotto glassato e’ pronto per essere appeso!

Volendo, potrete anche utilizzare i biscotti come segnaposti…i vostri ospiti apprezzeranno!862577fd1ea61ecfde7eb622a5aa89c7

Buone Feste a tutti!

Uova in cocotte con cime di broccoletti e…tartufo nero!

10382272_900950216650733_5919627831778522017_oDurante la visita alla fiera del Tartufo di Acqualagna non potevo resistere alla tentazione di acquistare un vero tartufo. tmainTruffles (1)Allo stesso tempo, ho subito pensato di contattare le nostre care amiche di Fabrica del Gusto, Silvia e Donatella, per farmi consigliare una buona ricetta in grado di esaltarne al massimo l’aroma.

Si tratta di una ricetta davvero semplicissima, che ognuno di voi potra’ cucinare a casa propria, una volta reperito il prezioso ingrediente principale…il tartufo!

2015-11-13 12.45.51Mettiamo delle fettine di pane abbrustolito in una cocottina e aggiungiamo delle cime di broccoletto lessate al punto giusto, quindi salate e condite con un po di olio evo marchigiano. Bagniamo il tutto con un piccolo mestolo di brodo vegetale e quindi posizionamo sopra ai broccoletti un uovo all’occhio di bue. tgrating-black-truffle---luxirare-(X2) (1)Non ci resta che grattugiarvi abbondantemente il tartufo e servire!

"Buon Appetito!"

Un consiglio: servire subito affinché il calore esalti al massimo il tartufo!

Con poche messe ed in poco tempo, ecco ottenuto un piatto davvero speciale!

Ricordiamoci che il tartufo puo’ essere utilizzato per arricchire qualsiasi piatto: antipasti, primi e anche secondi, specialmente a base di carne.

Prima di rientrare a New York devo assolutamente farne una bella scorpacciata:-)

Per fortuna amici, la natura ci regala tesori di immenso valore e…sapore!

Buon Appetito!

Emma Frisch: una food blogger italo-americana a Ithaca, New York

Per molto tempo, dedicarsi ai fornelli e cucinare non è stata l’ambizione delle donne. Tuttavia, nel corso degli anni, anche grazie all’impegno di chef professionisti, trasmissioni televisive e di eventi come Expo, si è diffusa la cultura del cibo salutare e la consapevolezza che l’arte culinaria è un patrimonio per tutti noi. 1510556_1648964938663742_2119990877209886944_nLa buona cucina ha cominciato così ad assumere un connotato moderno e positivo, un valore importante da trasmettere. Imparare a cucinare “come facevano le nostre mamme” è diventato tremendamente affascinante e chic, non solo per le donne ma anche per molti uomini!

Un numero crescente di turisti americani sceglie la destinazione da visitare in base alla possibilità di aderire a corsi di cucina tipica del posto.

10978690_1680696865490549_2973280986889739986_n

Le lezioni di cucina organizzate da ‘Fabrica del Gusto’ a Fabriano

L’Italia è in cima alla classifica per quanto riguarda i viaggi gastronomici. Ma che succede, se non si avesse la possibilità di viaggiare?

S’impara a cucinare da una food blogger con origini italiane!

941666_384110395040437_1793972060_n

La food-blogger italo-americana Emma Frisch, titolare del blog http://www.emmafrisch.com

Discovermarche ha incontrato Emma Frisch, titolare di Frisch Kitchen -Ithaca, New York- e ha assaggiato per voi gli “Spaghetti con polpette” (meglio conosciuti oltreoceano come: “Spaghetti Meatballs”)

Questa ricetta è un classico primo piatto che in America è un must have, celebrato anche da tanti film, il più famoso il cartone animato della Disney “Lilli e il Vagabondo”.

Lilli-e-il-VagabondoI primi a realizzarlo furono proprio gli italiani che emigrarono in America nel 20° secolo, a New York, e la prima pubblicazione di questa ricetta risale infatti al 1920 grazie alla National Pasta Association. Ecco come realizzarli!

Ingredienti per le polpette:

2 fette di pane 

30 gr parmigiano

75 ml latte

1 tuorlo

200 gr carne di manzo trita

100 gr di carne di vitello trita

1 spicchio di aglio

3 cucchiai di prezzemolo

Olio, sale, pepe nero q.b.

Ingredienti per la salsa al pomodoro:

500 gr di spaghetti

2 cucchiai di olio d’oliva

500 gr salsa di pomodoro

1 cipolla

2 spicchi d’aglio

sale e pepe q.b.

Per fare le polpette, mescolare il pane con il latte, far riposare per 10 minuti poi schiacciare con una forchetta in modo da ottenere una “poltiglia”; quindi unire il tuorlo, le carni trite, il parmigiano grattugiato, prezzemolo, aglio, sale e pepe. Con il composto ottenuto formare tante piccole polpettine e cuocerle in padella con olio di oliva ben caldo fino a renderle completamente dorate.

Per la salsa di pomodoro, scaldare in una padella 2 cucchiai di olio, aggiungere la cipolla tritata fine e farla soffriggere, versare l’aglio (spicchi interi!) e il pomodoro, quindi lasciar sobbollire fino a che la salsa non si addensa.

Una volta che gli ingredienti sono pronti, lessare anche gli spaghetti in acqua bollente salata, scolarli al dente e condirli con il sugo e le polpette.

polpette_lgBuon appetito!

Per la ricetta ufficiale suggerita dalla nostra amica italo-americana Emma Frisch, potete collegarvi al seguente link:

http://www.emmafrisch.com/2013/04/radio-podcast-classic-italian-meatballs.html10210_358711934246950_1599460113_n

Per altre ricette, visitate il sito ufficiale:

www.emmafrisch.com

Le Pincinelle made in “Fabrica del Gusto”

10694451_1648963445330558_8483444268973980224_oCome promesso, siamo nuovamente a parlarvi della scuola di cucina Fabrica del Gusto di Fabriano per condividere con voi la ricetta speciale che abbiamo cucinato e degustato insieme a tutti gli amici a fine lezione. Ci siamo davvero divertiti! Ecco a voi le Pincinelle, piatto tipico della tradizione fabrianese ed ovviamente…delle Marche!

In genere le nostre nonne e bisnonne, facevano il pane una volta la settimana e prima di dare la forma definitiva alla pagnotta conservavano una parte dell’impasto e preparavano le pincinelle. Si trattava  di una pasta molto povera, senza uova, economica e alla portata di tutti.

Ma vi assicuriamo che sono davvero buonissime! Siete pronti?

pincinelle 065Pincinelle di farro con carciofi e pancetta affumicata…e l’immancabile spolverata di parmigiano reggiano!

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di farina 0

100 gr di farina di farro integrale macinata a pietra

150 gr di lievito madre

Un pizzico di sale

Acqua q.b.

pincinelle 019Amalgamare tutti gli ingredienti ed aggiungere tanta acqua quanto basta ad ottenere un impasto omogeneo.

pincinelle 029Prendere dei piccoli pezzi di impasto e farli rotolare sul tagliere fino ad ottenere dei ‘fili’ sottili.

pincinelle 032Tagliare a misura (5-6 cm) con l’aiuto di un coltello o sfregando tra le mani. pincinelle 034Cuocere in abbondante acqua bollente salata per qualche minuto…pincinelle 038…quindi scolare e condire con ingredienti di stagione.pincinelle 048

Noi abbiamo scelto carciofi e pancetta affumicata locale! pincinelle 070

Buon appetito!