Spaghetti All’Amatriciana

A touching post from Francis about the terrible tragedy in Italy. Please send your prayers and thoughts to Italians in this devastating and hard time!

From London to Longoio (and Lucca and Beyond) Part Two

When in Italy don’t ask for a plate of ‘spaghetti bolognaise’ (don’t even dare to say ‘spag bol’). The dish simply doesn’t exist in this country but is a concoction made abroad (and, I believe, actually sold in tins in the UK!). Ask instead for ‘tagliatelle al ragù’.  The ragù is a sauce generally made up of the following ingredients (quantities are given for serving four persons):

55 g (1 ¾ oz) butter
55 g (1 ¾ oz) minced prosciutto far or pancetta
1 large carrot, finely chopped
1 celery stalk, finely chopped
1 onion, finely chopped
100 g (3 ½ oz) minced lean veal or beef
100 g (3 ½ oz) minced lean pork
1 glass of dry red wine
A little beef or chicken stock
3 tbsp. tomato paste
Salt and pepper

A short while back at Bagni di Lucca’s super-excellent Circolo dei Forestieri restaurant I had a…

View original post 461 more words

Grottammare: the Pearl of the Adriatic Sea

Discovermarche

Recently I read an article about libraries at the beach (the original piece is from the Huffington Post and you can find it here): a brilliant and innovative idea that caught my attention, especially since reading is one of my favorite hobbies.

The Library on the beach in Tel Aviv, Israel The Beachfront Library in Tel Aviv, Israel

So when I learned that Grottammare established a library on its waterfront following the example of some international cities such as Tel Aviv (Israel) or Etretat (France), I definitely wanted to visit it.

The project of the 'Library on the Beach' in Grottammare The project of the ‘Library on the Beach’ in Grottammare

In this beautiful city in the province of Ascoli Piceno, the project of the “Beachfront Library” started as an experiment in 1999. Since 2000, the service is run by the city and is based on volunteer service. Over the years, it has become a reference and a true attraction during the summer time.biblioteca-di-spiaggia

The “Beachfront Library” project also…

View original post 466 more words

Grottammare: la Perla dell’Adriatico

Discovermarche

Di recente mi sono imbattuta in un articolo che si occupava delle librerie in spiaggia (potete trovare l’articolo originale tratto dall’HuffingtonPost collegandovi qui), un’idea brillante e innovativa che aveva attirato la mia attenzione, soprattutto essendo la lettura uno degli hobby che prediligo.

La biblioteca sulla spiaggia di Tel Aviv La biblioteca sulla spiaggia di Tel Aviv

Così, quando ho saputo che Grottammare ha istituito una biblioteca sul suo lungomare seguendo l’esempio di alcune città internazionali come Tel Aviv (Israele) o Etretat (Francia), ho voluto assolutamente visitarla.

Biblioteca di Spiaggia a Grotttammare Biblioteca di Spiaggia a Grotttammare

Grottammare e’ un piccolo ma rinomato centro balneare nel sud delle Marche, vicino a San Benedetto del Tronto. In questo meraviglioso borgo della provincia di Ascoli Piceno, il progetto ”Biblioteca di Spiaggia” è partito in via sperimentale nel 1999. Dal 2000 il servizio è gestito direttamente dal Comune e si basa sul servizio di volontariato. Nel corso degli anni, il casottino è diventato un riferimento…

View original post 458 more words

Senigallia: velvet beach, blue sea and…so much fun!

In the middle of the summer: looking forward to the beach, the sea, the sunset and … missing Senigallia so much!🙂

Discovermarche

Senigallia: always known for its velvet beach and the iconic "Rotonda a Mare" Senigallia: always known for its velvet beach and the iconic “Rotonda a Mare”

Senigallia immediately recalls the famous “Spiaggia di Velluto” (Velvet Beach) and the iconic “Rotonda a Mare”, a charming building constructed in the 1930s and symbol of the Belle Epoque during the 60s, thanks to the artistic and cultural vitality of the city. From the sky the Rotonda appears to be like the mark of a shell on the sea: it became a ‘milestone’ for the city and nowadays it is still the place for parties, expectations and dreams.

The famous 'Rotonda a Mare' of Senigallia The famous ‘Rotonda a Mare’ of Senigallia

Every year Senigallia celebrates this unique place during the “Notte della Rotunda”, a party with many events from dusk to dawn. Among these: magnificent baroque fires on the sea, many shows and music around the city and all stores opened to entertain the thousands of citizens and tourists visiting for the…

View original post 510 more words

Senigallia: tra spiaggia di velluto, mare blu e…tanto divertimento!

Nel bel mezzo dell’estate: voglia di mare, vacanze e…nostalgia di Senigallia!:-)

Discovermarche

Senigallia: famosa per la sua spiaggia di velluto e la mitica "Rotonda sul Mare" Senigallia: famosa per la sua spiaggia di velluto e la mitica “Rotonda a Mare”

Quando si parla di Senigallia le si accostano subito due immagini: quella della “Spiaggia di Velluto” e quella della “Rotonda sul mare“, a cui s’ispiro’ anche il cantante Fred Bongusto con una canzone ‘cult’ degli anni 60. La Rotonda a mareè un’imponente struttura balneare che si affaccia sul mare di Senigallia e fu progettata dall’architetto Vincenzo Ghinelli che nell’immediato dopoguerra progetto’ questa stabile su palafitte. Divenne il simbolo della mondanita’ e dell’intrattenimento musicale durante gli anni 60 grazie alla vitalità artistica e culturale della città. Un punto di riferimento e di aggregazione che ancora oggi seduce come in passato.

Un'altra immagine della 'Rotonda a Mare' di Senigallia Un’altra immagine della ‘Rotonda a Mare’ di Senigallia

Ogni anno a Senigallia viene organizzata la Notte della Rotonda, una festa per il “compleanno” della Rotonda a Mare con spettacoli e festeggiamenti dal tramonto…

View original post 517 more words

Conte Leopardi: when wine and territory become one passion!

Every time I go back to Italy I cannot resist the lot of delicacies I find here! The temptations are just way too many!

During my last stay in Spring, I decided to go to a fitness center to keep fit before Summer and, above all, not to give up the delights of my land! Right here I met Lidia, wife of Count Piervittorio Leopardi Dittajuti, who is also the owner of the vineyard company “Conte Leopardi”.

Lidia e Piervittorio, titolari dell'Azienda Agricola Conte Leopardi Dittajuti

Lidia and Piervittorio, owner of the Conte Leopardi Dittajuti

The old family emblem showing a leopard that bears a cross

The old family emblem showing a leopard that bears a cross. The roots of this family are old and rich of history

In Numana, the spouse are leading their family farm with great success. I told Lidia of my blog Discovermarche, where I’m often writing about the Conero’s Riviera and how deeply ‘in love’ I am with this beautiful location in Le Marche. So Lidia invited me to visit their winery and vineyards, to find out more about the many delights grown in this area. Besides one of the most evocative areas on Adriatic Sea, the Conero’s Riviera also benefits from a special geological and climatic features. And this region has promoted vine growing since ancient times, always guaranteeing a very high quality of grape.

Panoramic view of the Conero's Riviera

Panoramic view of the Conero’s Riviera

The Conte Leopardi consider their vineyards as the winery’s engines: ensuring the whole chain of production they create their wines exclusively from their own grapes. The company has 45 hectares of vineyards located at the foot of Mount Conero, a step away from the Adriatic Sea.

Beautiful sunset on the Conte Leopardi's vineyards

Beautiful sunset on the Conte Leopardi’s vineyards

In the vineyards there about 4500 plants per hectare and they use to make proper pruning, to reduce the production of grape and improve the quality. The soil, which is rich in marl and limestone, the perfect exposure to the South, and the Mediterranean and breezy climate help the winery to produce extraordinary and intense wines. All these features are perfect for the grapes and provide intense qualities, perfect to give a good structure to the wines.12079838_1673444362892971_3607344491431779317_o

The Rosso Conero DOC, is one of the main traditional wine made from grapes here and it’s available in three different labels. The most important, called the “Pigmento” and aged in barriques, is a dark ruby-garnet red, a velvety wild cherry aroma full flavor. This is the most important wine of the winery, and has a powerful, full-bodied and elegant aroma.11540896_1635332580037483_7886318976406871844_n Then there is a selection from the “Coppo Vineyards”, located in Sirolo, which is the most traditional, while the “Fructus” is a modern and fruit-driven red wine, very pleasant to drink. Another important red wine is the “Casirano” made fromboth indigenous and international grapes varieties, which make this wine subtle in taste and light in colour.731135_0509f68cbe3d4f8193695de5e331c3f1

Among the white wines made from Sauvignon grapes, there are the “Bianco del Coppo”, floral and fruity,11206685_1616392888598119_6867532782623757939_o and the “Calcare” (aka:”Limestone”), very rich and with an intense and persistent taste.2016-25-7--11-47-06

Finally, there’s also a the sparkling white wine named “Villa Marina”, with fine bubbles and citrus notes.BOTTIGLIE NUOVE 2016

Besides the wines, the vineyard also make their own Extra Virgin Olive Oil. The harvest is handpicked and cold squeezed. These are the ingredients for high quality oil that keeps all the flavours and nutritional values. The Conte Leopardi olive oil is in fact full of polyphenols -very important antioxidants important for everyone’s health and well-being.10835467_1617620758475332_5504004135225120139_o

What struck me the most during my visit to the Conte Leopardi winery is a tangible link between the Leopardi spouse and their territory. The way Piervittorio and Lidia talk about their vineyard you can perceive their deep love and respect for their land.

Numana, 13/09/2006. Il conte Piervittorio Leopardi dittajiuti nella sua casa e nella sua azienda vitivinicola. PH: Luca Zanoni/CLICPHOTO

The Count Piervittorio Leopardi Dittajiuti taking care of his vineyards.
PH: Luca Zanoni/CLICPHOTO

That is why I am particularly pleased to write about the Conte Leopardi: a terrific company, where tradition joins modernity and Hi-Tec. Conte Leopardi’s cellar is covered in solar panels and uses only eco-friendly machineries, supporting the vineyard’s health and growth. 731135_37ecc8596c6942c8844a11d7818057b511217803_1616386641932077_4538198931658207331_nIn addition to being a food lover, I also appreciate good wine. After visiting the estate and their vineyards, I had a unique and unforgettable experience during the wine tasting of the winery Conte Leopardi. Thanks to Sara, one of the sommelier who takes care of the wine shop’s customers.731135_1a084ecd7e00448298938e0e51a612d7.png_srz_1338_893_85_22_0.50_1.20_0.00_png_srz731135_07731ea2e41e447aa02b563bdce7ffb6~mv2.jpg_srz_1349_455_85_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srzIf you also would like to find out more about the flavors of this land and the products of this company, you can book your tasting at the Conte Leopardi winery website: here.

A tip: do not miss the “Pigmento DOCG” wine…that’s just stunning!IMG_1311 (1)

The Conte Leopardi labels are available also in US. In fact, they are sold in New York, Connecticut, Illinois, California, Virginia, Texas, Colorado and Florida. Finally I will be able to invite my American friends for an aperitif time with an accent from Le Marche!

Olive ripiene allAscolana Ice Chef(1) (1)

Big thanks to Lidia and Piervittoro for this unforgettable experience!

Please find out more about the Conte Leopardi by linking to their official website (English version available): here!

Conte Leopardi: quando vino e territorio diventano un’unica passione

Ogni volta che rientro in Italia non riesco a rinunciare alle varie prelibatezze che mi vengono offerte. Le tentazioni a cui resistere sono davvero troppe!

Durante il mio ultimo soggiorno la scorsa primavera, ho deciso di frequentare un centro fitness per mantenermi in forma prima dell’arrivo dell’estate e, soprattutto, per non rinunciare alle delizie della mia terra! Proprio qui ho conosciuto Lidia, moglie del conte Piervittorio Leopardi Dittajuti, titolare dell’azienda Conte Leopardi.

Lidia e Piervittorio, titolari dell'Azienda Agricola Conte Leopardi Dittajuti

Lidia e Piervittorio, titolari dell’Azienda Agricola Conte Leopardi Dittajuti

Lo stemma della casata presenta un leopardo che reca una croce

Lo stemma della casata presenta un leopardo che reca una croce: le origini dell’attuale azienda agricola sono antiche e ricche di storia

A Numana, i coniugi, conducono con molto successo l’azienda agricola di famiglia. Ho raccontato a Lidia di Discovermarche, dove scrivo spesso della Riviera del Conero e di quanto sia ‘innamorata’ di questa zona speciale delle Marche. Cosi Lidia mi ha invitata a visitare la cantina e i loro vigneti, per scoprire le varie eccellenze coltivate in questa zona. La Riviera del Conero, infatti, oltre ad essere un luogo d’infinita bellezza naturale, offre caratteristiche geologi­che e climatiche che favoriscono la viticoltura sin dai tempi più remoti, consentendo la produzione di uve di grandissimo pregio.

Vista panoramica della Riviera del Conero

Vista panoramica della Riviera del Conero

L’azienda agricola Conte Leopardi ha sede a Numana e produce i suoi vini esclusivamente esclusivamente dai vigneti di proprietà, garantendone l’intera filiera di produzione. In totale, sono 45 ettari a vigneto di proprietà, situati ai piedi del Monte Conero e ad un passo dal Mar Adriatico.11040173_1668872703350137_7036800047789807910_o

La breve distanza dal mare influisce poi positivamente sulle caratteristiche organolettiche dei vini. Il tipo di allevamento a spalliera a 4500 piante per ettaro e la corretta potatura, abbinati alle caratteri­stiche del suolo, marnoso e calcareo, alla buona esposizione e al clima, mediterraneo e ventilato, ideale per la vite, fanno sì che le uve prodotte in questi vigneti siano di grandissima e costante qualità, atte a pro­durre vini che risaltino per la loro tipicità, l’intensità degli aromi e la buona struttura.12079838_1673444362892971_3607344491431779317_o

Il vino più tipico è il Rosso Cònero DOC, disponibile in tre differenti tipologie: il più importante, il “Pigmento”, affinato in barrique;11540896_1635332580037483_7886318976406871844_n la selezione “Vigneti del Coppo”, che è il più tradizionale, mentre il “Fructus” è il più giovane. Un altro vino rosso importante è il “Casirano” ottenuto da uve di vitigni autoctoni ed internazionali.731135_0509f68cbe3d4f8193695de5e331c3f1

Tra i vini bianchi, ottenuti da uve Sauvignon vi sono il “Bianco del Coppo”, floreale e fruttato, 11206685_1616392888598119_6867532782623757939_oed il “Calcare”, ricco di aromi molto intensi e persistenti.2016-25-7--11-47-06

Completano la gamma dei prodotti lo spumante brut “Villa Marina” metodo charmat.BOTTIGLIE NUOVE 2016

Oltre ai vini l’azienda un pregiato olio Extra Vergine di Oliva dalla raccolta a mano delle olive del proprio oliveto. La spremitura a freddo ne mantiene intatti pregi gustativi e proprietà nutritive. Da cui un olio ricco in polifenoli, sostanze antiossidanti necessarie al benessere e alla salute.10835467_1617620758475332_5504004135225120139_o

Ciò che mi ha colpito profondamente durante la mia visita è il legame tangibile tra i coniugi Leopardi e il territorio. Nelle parole di Piervittorio e di Lidia trasuda evidente l’amore e il rispetto non solo per la terra, ma anche per il paesaggio che è sempre esaltato nei loro commenti.

Numana, 13/09/2006. Il conte Piervittorio Leopardi dittajiuti nella sua casa e nella sua azienda vitivinicola. PH: Luca Zanoni/CLICPHOTO

Il conte Piervittorio Leopardi Dittajiuti nella sua azienda vitivinicola.
PH: Luca Zanoni/CLICPHOTO

Ecco perché sono particolarmente lieta di poter dedicare un articolo a questa formidabile azienda, la cui attenzione non è soltanto rivolta esclusivamente alle risorse tecniche e alla produttività, ma anche all’ecosistema utilizzando pannelli solari per il funzionamento della sua cantina e macchinari a basso impatto ambientale nei trattamenti alla vigna. Nell’azienda Conte Leopardi, la tradizione si unisce alla modernità e alla tecnologia.

731135_37ecc8596c6942c8844a11d7818057b5

11217803_1616386641932077_4538198931658207331_n

Oltre ad essere un’amante della buona cucina, sono anche un’estimatrice del buon vino. Dopo la visita alla tenuta e ai vigneti, ho visitato la cantina dell’azienda. Qui Sara, collaboratrice impareggiabile di Lidia e Piervittorio nonche’ sommelier, si prende cura dei clienti e mi ha permesso di avere un’esperienza unica e indimenticabile durante la degustazione dei vini della Cantina Conte Leopardi.731135_1a084ecd7e00448298938e0e51a612d7.png_srz_1338_893_85_22_0.50_1.20_0.00_png_srz731135_07731ea2e41e447aa02b563bdce7ffb6~mv2.jpg_srz_1349_455_85_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srz

Se anche voi volete scoprire i sapori di questa terra e i prodotti di quest’azienda, potete prenotare la vostra degustazione direttamente dal sito della Cantina Conte Leopardi, collegandovi qui

Un suggerimento: non lasciatevi sfuggire il Pigmento DOCG…un vino semplicemente straordinario.IMG_1311 (1)

L’azienda Conte Leopardi riscuote molto successo anche negli Usa. Oltre che nella città in cui vivo i vini sono presenti in Connecticut, Illinois, California e Virginia, Texas, Colorado e Florida. Finalmente potrò invitare miei amici americani ad un aperitivo tutto marchigiano…direttamente a casa mia, a New York!

Olive ripiene allAscolana Ice Chef(1) (1)

Un grazie sincero a Lidia e Piervittorio per questa esperienza indimenticabile!!!

Per ulteriori informazioni riguardo all’azienda potete collegarvi al sito ufficiale, cliccando qui